in

Violenza sulle Donne, Emergenza Globale

Ieri notte è morta la studentessa indiana di soli 23 anni a causa di uno stupro di gruppo a cui poi è seguita altra violenza, gli aggressori dopo la violenza hanno denudato la ragazza scaraventandola fuori dall’autobus in corsa. L’impatto con il terreno ha provocato altri traumi gravissimi che l’hanno portata alla morte.

È successo in India, ma non succede solo in India. Le cifre indicano che in Italia nel 2012, 122 donne sono state uccise. È stato coniato perfino un neologismo femminicidio per sottolineare che ci sono degli omicidi quasi più terribili di ogni altro omicidio, che uccidere una donna è diventato sistematico quando questa non si piega a degli schemi sociali o a delle volontà di uomini-orchi.

I fatti di violenza contro le donne che sono balzati alla cronaca hanno provocato indignazione e manifestazioni. In Italia sono nati dei movimenti di sensibilizzazione al problema, sono stati creati persino programmi televisivi a tema. Il problema è però profondo, è culturale. Un inasprimento delle pene potrebbe servire come deterrente, ma è sempre più evidente che ci sono modelli educativi sbagliati, che valori cristiani come l’uguaglianza vengono disapplicati persino dai rappresentanti del clero. Insegnare che uomini e donne hanno pari dignità e pari diritti sembra difficilissimo da trasmettere e da comprendere.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Contratto Inserimento Cancellato

Eliminato il Contratto d’Inserimento. Ma i Soldi per i Nuovi Incentivi?

Niscemi Contro La Base Militare Americana

Niscemi i Cittadini Contro la Base Militare Americana