in

Visto in Tv: l’Imbarazzante Marco Simoni di Italia Futura

Conduce, con il consueto stile impeccabile Enrico Mentana. Ospiti: Oscar Giannino, Massimo Mucchetti (giornalista del Corriere della Sera candidato nel Pd), Maurizio Landini (segretario Fiom Cgil), Renato Brunetta e la new entry Marco Simoni, responsabile tematico Italia Futura lavoro che cattura subito l’attenzione del telespettatore perché rappresenta il soggetto politico che si affaccia alla ribalta per la prima volta.

Modi garbati, pettinatura perfetta, il docente di economia politica alla London School of Economics, si scioglie sotto i riflettori dello studio della 7 come neve al sole: imbarazzante non tanto per i contenuti (che saranno analizzati in altra sede e valutati alla luce del risultato elettorale) quanto per la manifesta incapacità comunicativa e il disagio da telecamera.

Se nella società, ma soprattutto nella politica del terzo millenio (ma nei fatti è sempre stato così)  l’ars oratoria è fondamentale perché soccorre perfino concetti vuoti,  le incertezze, le esitazioni i ‘penso che bisogna pensare’ di Simoni privano di contenuti idee che al contrario sono, evidentemente, il frutto di un’attenta e approfondita riflessione sulla situazione enonomica e sociale del nostro Paese.

Alla prima televisiva, insomma Italia Futura, rimedia una stecca memorabile. Simoni non regge il confronto con gli altri ospiti che forse sono più avvezzi alla platea televisiva. Probabilmente il montezemoliano è scivolato sull’emozione della prima volta. Resta il fatto che non ha reso un bel servizio a Italia Futura che per sua fortuna non è composta da tanti piccoli ‘Simoni’. E allora perché non affidare il debutto televisivo al direttore Andrea Romano o a Irene Tinagli che sul piano comunicativo non hanno nulla da imparare ?

Written by Fabrizio Pucci

Fabrizio Pucci nasce nel 1970 a Livorno, città dove risiede. Nel 1984 pubblica il primo articolo, la presentazione della partita di calcio Livorno-Ancona. Dopo il Liceo inizia una serie di collaborazioni con radio e tv che con gli anni lo porteranno fino a Tele+ e Sportmediaset. Attualmente collabora con Il Tirreno di Livorno. Appassionato di Sport, non si perde una partita del 'suo' Livorno per lavoro, ma anche per amore della maglia amaranto. Pessimista di natura, perché è sempre meglio prepararsi al peggio per poi festeggiare il meglio.

Armi Diffusione Usa

Usa: dopo la strage le insegnanti imparano ad usare le armi

Ponsacco Calcio Invincibile

Calcio, gli invincibili abitano in Toscana: il Ponsacco ancora a punteggio pieno