di Sabina Schiavon in ,

Vivendi-Mediaset, è guerra aperta: Vincent Bolloré e i suoi obiettivi


 

Vivendi-Mediaset, oramai è guerra aperta: ecco cosa sta succedendo tra i due colossi delle comunicazioni e chi è Vincent Bolloré, l’imprenditore che punta al Cda di Mediaset

vivendi mediaset vincent bolloré

Vivendi-Mediaset, è guerra aperta tra le due società attive nel campo dei media e delle comunicazioni. Da giorni, infatti, la società francese sta cercando di scalare Mediaset al fine di ottenere un posto nel Cda (Consiglio di Amministrazione) del gruppo italiano il cui maggior azionista è la Fininvest della famiglia Berlusconi. Ma cosa sta succedendo e quali sono gli obiettivi di Bolloré?

Vivendi-Mediaset: il quadro della situazione

E’ uno scontro sempre più acceso quello tra Vivendi e Mediaset. La prima, società francese già azionista di riferimento di Telecom Italia, sta infatti tentando di portare le proprie quote di azioni Mediaset dal 20% sino al 30%, limite soglia oltre il quale scatterebbe l’obbligo di Opa (Offerta Pubblica di Acquisto). Scopo di Vivendi, quindi, è quello di diventare secondo azionista di Mediaset così da poter poi passare alla seconda mossa che, con buona probabilità, sarebbe quella di convocare un’assemblea di Mediaset al fine di ottenere un posto nel Consiglio di Amministrazione. Un affronto troppo grande però per la media company italiana che, per difendersi, si è trovata costretta ad acquistare 27,6 milioni di azioni ordinarie Mediaset arrivando così a pochi passi dalla soglia Opa.

=> IMPRESE E INNOVAZIONE: LE ULTIME NEWS

E’ quindi un muro contro muro quello tra Vivendi e Mediaset, battaglia che ha visto Berlusconi affermare “Non temo nulla” e il Cda di Mediaset chiedere l’intervento dell’AgCom segnalando come illegittima la condotta della società francese. “Con il suo annuncio, Vivendi prosegue in una strategia molto aggressiva che, mossa dopo mossa, non fa che confermare tutte le irregolarità e le gravi violazioni evidenziate da Fininvest nelle denunce e negli esposti presentati alla Procura della Repubblica e alla Consob, con il deposito di adeguata documentazione. A queste prime azioni giudiziarie altre faranno seguito, sul piano sia penale che civile e amministrativo. Nessun profilo di intervento verrà trascurato” ha dichiarato invece Fininvest a tal proposito. La partita, comunque, sembra si deciderà probabilmente entro Natale.

Mediaset-Vivendi: cos’è una scalata ostile

Nel linguaggio della finanza, quello che sta succedendo tra Vivendi e Mediaset viene chiamata “scalata ostile”. Ma di cosa si tratta? Con il termine “scalata”, in generale, si intende un vero e proprio blitz finanziario attraverso il quale una società – acquistando azioni – cerca di assumere il controllo di un’altra. La scalata diventa ostile quando la società che detiene le azioni di maggioranza si oppone all’operazione. In questo caso, comunque, la società francese dovrà fermarsi all’acquisto massimo del 29,9% del pacchetto azionario per non incorrere nell’obbligo di Offerta Pubblica di Acquisto (Opa), operazione che constringerebbe Vivendi a rivolgersi alla totalità degli azionisti.

Mediaset-Vivendi: chi è l’imprenditore Vincent Bolloré

Classe 1952, Vincent Bolloré è un imprenditore e produttore televisivo francese, primo azionista di Vivendi ovvero la società francese attiva nell’ambito dei media e delle comunicazioni che – oltre a tentare la scalata su Mediaset – è già proprietaria di Canal+ Universal Music. Nonostante il Financial Times definisca Bolloré come un imprenditore non abituato alla scalata ostile, è certo che il manager sia solito approfittare delle situazioni per avviare le proprie scalate. Se nel 1998 ha adottato la stessa strategia con la connazionale Havas, nel 2016 ci ha provato con Ubisoft ( di cui detiene attualmente oltre il 25% delle azioni) e ora con Mediaset. In quest’ultimo caso, in particolare, l’imprenditore Vincent Bolloré si sarebbe approfittato della distrazione di Berlusconi – dovuta alle questioni politiche legate al referendum del 4 dicembre – per iniziare la sua scalata verso il Cda Mediaset.

Foto: Wikimedia.org

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

wickedin lavoro