di Maria Concetta Distefano in ,

Voucher: ecco come funzionano e cosa cambia a partire dal 10 luglio


 

A partire da domani 10 luglio potranno essere utilizzati i libretti per famiglie e il contratto di prestazione occasionale che sostituiranno i vecchi voucher

Voucher: cosa cambia per datori di lavoro e lavoratori

 

Voucher: ecco come funzionano e cosa cambia a partire dal 10 luglio

L’Inps, in base a quanto concordato con il Ministero del Lavoro, ha pubblicato la disciplina relativa ai nuovi voucher, buoni per pagare piccoli lavori occasionali, previsti con la legge di conversione del decreto legge 50/2017, la cosiddetta manovra correttiva. I nuovi strumenti si differenziano da quelli precedenti, aboliti lo scorso marzo per evitare il referendum abrogativo voluto dalla Cgil, soprattutto con riferimento agli utilizzatori dei voucher che vengono differenziati per: famiglie, cioè persone fisiche che vi fanno ricorso al di fuori dell’attività professionale o di impresa e gli altri utilizzatori tra cui le imprese, i lavoratori autonomi, gli studi professionali, i lavoratori autonomi, gli imprenditori, le associazioni, le fondazioni e gli altri enti di natura privata, ma anche le amministrazioni pubbliche, le imprese del comparto agricolo. Le famiglie potranno acquistare i buoni del libretto per famiglie potranno essere comprati sul sito dell’Inps dopo avere effettuato la registrazione. Il valore di ogni buono sarà di 10 euro, di cui due euro di contributi previdenziali, assicurativi e oneri di gestione. Il lavoratore, quindi, guadagnerà otto euro. La famiglia e il lavoratori dovranno entrambi registrarsi sul portale dell’Inps che provvederà a pagare l’importo direttamente sul conto corrente del lavoratore. Nel caso in cui il lavoratore non sia titolare di un conto corrente dovrebbe avere la possibilità di ottenere un bonifico tramite ufficio postale. Infine i vecchi voucher potevano essere comprati e incassati presso le tabaccherie autorizzate, presso le banche, le sedi Inps e presso gli uffici postali.

SCOPRI TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUI VOUCHER SU URBAN POST!

Voucher: ecco come funzionano e cosa cambia a partire dal 10 luglio

Le imprese che vogliano utilizzare lavoratori occasionali potranno utilizzare il “contratto di prestazione occasionale”. Una tipologia di contratto che può essere concluso se entrambi le parti, lavoratore e datore di lavoro, risultano registrati al sito dell’Inps. L’importo minimo per ogni ora di lavoro è di nove euro e dovranno essere pagate minimo 36 euro, ovvero l’importo di quattro ore di lavoro e questa somma dovrà essere pagata anche nel caso in cui le ore lavorate effettivamente siano inferiori. Il datore di lavoro dovrà sommare a questa cifra i contributi, assicurazioni e oneri di gestione che farà aumentare il costo di un’ora lavorativa fino a 12,41 euro lordi. Comunque potranno essere corrisposte remunerazioni più alte, mentre nel settore agricolo i minimi sono più bassi e sono fissati dai contratti collettivi di lavoro. Con questi due strumenti lavoratori non potranno percepire oltre 5 mila euro l’anno e non più di 2.500 euro l’anno dallo stesso datore di lavoro. Queste limitazioni, però, saranno più alte per pensionati, studenti con meno di 25 anni di età e beneficiari di reddito d’inclusione. In queste ipotesi si conteggeranno solo il 75% delle cifre ricevute.

Voucher: ecco come funzionano e cosa cambia a partire dal 10 luglio

I vecchi voucher sono stati introdotti nel 20013, gravati da una serie di limitazioni, che poi sono state alleggerite dalla riforma di liberalizzazione attuata dalla riforma Fornero che ne ha permesso l’utilizzazione a quasi totalmente i lavoratori e le imprese. Nel tempo questo strumento è stato largamente abusato; la Cgil, in particolare, ha denunciato il fatto che fosse utilizzato per nascondere il lavoro nero. La stessa organizzazione sindacale ha promosso la raccolta delle firme sufficienti per chiedere il referendum abrogativo di questi voucher. Il Governo presieduto dal premier Paolo Gentiloni, per scongiurare un eventuale esito negativo della consultazione popolare, ha approvato un decreto di cancellazione di questo strumento. I nuovi voucher saranno che sono stati reintrodotti in forma diversificata potranno essere utilizzati a partire dal prossimo 10 luglio.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook