in

Voucher Inps, cosa li sostituirà ora? Contratto a chiamata e non solo

Voucher Inps, cosa li sostituirà ora? Contratto a chiamata e non solo

La decisione repentina presa dal Governo di abolire completamente i voucher, con il Decreto legge 25 del 2017, per scongiurare il quesito referendario promosso dalla Cgil, sta costringendo sia le famiglie che le imprese a trovare soluzioni alternative per sostituire le modalità di pagamento del lavoro occasionale discontinuo e accessorio. Nell’attuale situazione si è determinata molta confusione, principalmente negli ambiti di attività in cui venivano spesso utlizzati: nel settore dei pubblici esercizi o ad esempio nello stewarding, durante le manifestazioni. Con i voucher si pagavano lavori considerati “spot” che il quotidiano “Il Sole 24 Ore” giudica intraducibili in contratti di lavoro subordinato part-time: “Poiché non è possibile definirne a priori l’esatta entità delle prestazioni né in contratti di lavoro a chiamata, disciplinati in rare realtà contrattuali ovvero relegati a poche categorie soggettive e ad alcune quantomeno vetuste casistiche oggettive: basti pensare che in assenza di regolamentazione contrattuale occorre riferirsi a un’elencazione contenuta in una tabella del 1923”.

Voucher Inps, cosa li sostituirà ora? Contratto a chiamata, contratto di somministrazione e contratti di collaborazioni

Nell’attesa che il legislatore intervenga quanto prima, le alternative che si profilano, oltre al lavoro subordinato diretto, sono il contratto a chiamata, anche conosciuto col nome “Job on Call”, che è stato introdotto in Italia dalla legge Biagi e successivamente modificato con il Jobs Act, ovvero con l’art 13 del Decreto legislativo 81/2015, che lo finisce come: “La prestazione lavorativa in modo discontinuo o intermittente, a seconda delle esigenze individuate dai contratti collettivi anche con riferimento alla possibilità di svolgere le prestazioni in periodi predeterminati nell’arco della settimana, del mese o dell’anno”. Potrebbe, inoltre, essere utilizzato in sostituzione dei voucher il contratto di somministrazione di lavoro, per il tramite delle agenzie di lavoro interinale autorizzate, rapporto di lavoro caratterizzato dal fatto che il lavoratore viene assunto e stipendiato dal soggetto somministratore per andare a svolgere la propria attività professionale, detta missione, presso l’utilizzatore; oppure le cosiddette collaborazioni, qualora ne ricorrano le condizioni, stipulando dove è possibile contratti di co.co.co. o con partita IVA, magari sganciati dai canoni di lavoro subordinato o etero-organizzato, previsto dal Jobs-Act. Mentre i soggetti che erano beneficiari dei voucher non potranno avere alcuni vantaggi, come quello di cumulare la retribuzione derivante dal lavoro occasionale con le misure di sostegno al reddito che invece era possibile effettuare con i buoni lavoro fino a tremila euro l’anno.

Voucher Inps, cosa li sostituirà ora? Paolo Gentiloni promette interventi

Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, dal palco del Forum Confcommercio di Cernobbio parlando dell’abolizione dei voucher ha sottolineato che si tratta : “Di una scelta che serve a evitare un referendum che avrebbe creato tensioni nel Paese. Ma interverremo per regolare il lavoro occasionale”. L’abolizione dei voucher lascia un vuoto e un disorientamento che in parte è conseguenza degli abusi e delle distorsioni nell’uso dei voucher, eppure il mercato del lavoro richiede uno strumento che vada incontro al fabbisogno perseguito nello stesso Jobs Act: “Estendere il ricorso a prestazioni di lavoro accessorio per le attività discontinue e occasionali nei diversi settori produttivi”.

 

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Dorme con lo smartphone in carica, 32enne rimane folgorato

Dorme vicino allo smartphone in carica: folgorato 32enne

tagli capelli 2017, tagli capelli 2017 ricci, tagli capelli 2017 mossi, capelli ricci, capelli mossi, capelli 2017,

Tagli capelli 2017: le scelte perfette per chiome ricce e mosse [FOTO]