di Sabina Schiavon in

WhatsApp news: ecco Speechless, l’app che trasforma in testo le note vocali


 

WhatsApp, da un’azienda italiana nasce Speechless: ecco come trasformare le note audio in testo

whatsapp news speechless

Quante volte avreste avuto bisogno di trascrivere le centinaia di note vocali arrivate sul vostro WhatsApp? Da oggi ci pensa Speechless, un’applicazione tutta italiana che – disponibile sia per iOS sia per Android – permette di trasformare in testo le note vocali di WhatsApp (e non solo).

==> FACEBOOK TROVA WI-FI: ECCO LA NUOVA FUNZIONE DEL SOCIAL NETWORK IN BLU

Tutti coloro che amano utilizzare le note vocali di WhatsApp conoscono perfettamente i limiti di questa funzionalità: in ambienti pieni di gente o che necessitano silenzio – cinema, teatro, riunioni, ecc… – le note audio possono risultare di difficile se non impossibile ascolto. Ma non solo: spesso, infatti, le note vocali di WhatsApp vengono utilizzate per interviste, appunti o per scambiare informazioni da trascrivere… E’ proprio per rendere più semplice e veloce questa operazione che è nata Speechless, un’app sviluppata da un’azienda con sede a Bergamo che permette di trasformare in testo il contenuto delle note vocali. Ma come funziona?

==> AGGIORNAMENTO WHATSAPP: TRA LE NOVITA’ ANCHE UNA “NIGHT MODE”

Completamente italiana, Speechless permette di trasformare in testo tutti i file audio – dalle note vocali di WhatsApp alle registrazioni catturate durante un’intervista – in modo semplice e veloce. Una volta installata – su dispositivi Android o iOS – basterà selezionare il file audio da trascrivere e condividerlo quindi con Speechless: l’applicazione caricherà quindi su di un cloud il file in questione e – attraverso un algoritmo di riconoscimento vocale – lo trasformerà in testo. Speechless è disponibile sia in versione gratuita – per audio della durata oltre i 15 secondi – sia in versione a pagamento per file di maggiori dimensioni e durata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanTech

Leggi anche

Commenta via Facebook