di Sabina Schiavon in

WhatsApp news, stop al supporto ai vecchi dispositivi: ecco gli smartphone interessati


 

WhatsApp, stop al supporto sui sistemi operativi più datati: ecco i telefoni coinvolti e come ovviare al problema

whatsapp news vecchi dispositivi

In attesa dell’opzione “Recall”, WhatsApp ha confermato lo stop al supporto per i vecchi dispositivi. A partire dal 30 giugno, infatti, la celebre applicazione di messaggistica istantanea non verrà più supportata su alcuni sistemi operativi più datati e, di conseguenza, non sarà più utilizzabile su smartphone e telefoni di vecchia generazione. Come fare se si possiede uno di questi device? In realtà non esiste un metodo per ovviare all’abbandono del supporto; l’unico suggerimento è quello di migrare ad un’altra applicazione qualora non si abbia modo di aggiornare il proprio sistema operativo.

==> ROAMING EUROPA 2017: ECCO COSA CAMBIA DAL 15 GIUGNO

Dopo l’abbandono di sistemi operativi come Android 2.1 e 2.2 ma anche iOS 6 avvenuto lo scorso dicembre, WhatsApp torna ad annunciare lo stop al supporto per altre versioni software presenti su dispositivi più datati. In particolare, a partire dal prossimo 30 giugno la celebre applicazione di messaggistica istantanea non potrà più essere utilizzata su tutti i device che utilizzano il sistema operativo Symbian S60: addio quindi a WhatsApp su telefoni quali Nokia N70, Nokia 3660 ma anche alcuni LG, Samsung e Panasonic.

Nel “mirino” di WhatsApp non solo però i device con Symbian 60: l’app di messaggistica istantanea – attualmente di proprietà di Facebook Inc. – non sarà infatti più supportata nei dispositivi con sistema operativo Windows Phone 7, BlackBerry OS e BlackBerry 10. A detta degli sviluppatori di WhatsApp, infatti, questi sistemi operativi “non offrono le caratteristiche di cui abbiamo bisogno per espandere le funzionalità dell’app in futuro; se usi un telefono coinvolto dovresti aggiornare sistema operativo”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanTech

Leggi anche

Commenta via Facebook