di Paola Stigliano in

WhatsApp web pc e mobile: truffa tramite messaggi vocali, l’avviso della Polizia


 

Una nuova truffa legata a WhatsApp è stata scoperta dalla Polizia di Stato, che spiega di cosa si tratti.

facebook whatsapp acquisizione

La privacy online è sempre stato un tema delicato, soprattutto in relazione all’utilizzo di WhatsApp. Le lamentele mosse dagli utenti e le azioni intraprese dai vari stati hanno fatto sì che si avviasse un processo grazie al quale sarà fatta più chiarezza sul metodo di acquisizione dei dati da parte di WhatsApp. Il problema, però, è rappresentato anche dalle truffe ideate dai cybercriminali. L’ultimo stratagemma pensato consente loro di entrare in possesso dei dati sensibili degli utenti dell’app di messaggistica istantanea acquisita da Mark Zuckerberg.

SEGUICI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK: URBAN TECH

Ad avvisare gli utenti di WhatsApp è stata la Polizia di Stato, attraverso la pagina FacebookVita da Social”. Con un post, ha fornito informazioni utili sul modo in cui si presenta la nuova truffa dei cybercriminali che, ancora una volta, colpiscono su WhatsApp. Si tratta di un messaggio vocale che, se ricevuto, appare esattamente come una comune notifica di WhatsApp. Una volta aperto, però, si avvia il virus che permette loro di accedere ai dati sensibili degli utenti, attraverso ciò che scrivono sulla tastiera.

Considerando che lo smartphone si usa per fare sempre più cose, dal leggere le mail ad accedere a siti utili e importanti come quello della propria banca, è chiaro che con la nuova truffa di WhatsApp, i cybercriminali possono anche avere accesso a password e, dunque, al denaro dell’utente.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanTech

Leggi anche

Commenta via Facebook

Parliamo di...