di Elisa Genua in , ,

WikiLeaks rivela i segreti della Cia? “No comment” sull’autenticità dei documenti rubati


 

WikiLeaks stila una lista di tecniche per spiare e controllare da remoto migliaia di dispositivi connessi alla rete. Ecco i tweet che accusano la Cia di spionaggio

leaks

Un’infinità di documenti caduti nelle mani del Center for Cyber Intelligence della Cia? L’annuncio viene bypassato ogni ora da brevi tweet sull’account ufficiale di WikiLeaks. Secondo l’organizzazione fondata da Julian Assange, migliaia di smartphone e pc aziendali sarebbero sotto controllo di un fornito arsenale di malware e software spia in grado di rubare e catalogare informazioni strettamente riservate.

> Seguici anche su Facebook, metti MI PIACE su Urbanpost Tech <

Sul sito di WikiLeaks sarebbe stata stilata una lunga lista di possibili strumenti utilizzati forse dalla Cia per tracciare i movimenti degli ignari internauti spiati. Una vasta libreria di applicazioni pericolose violerebbero la privacy in maniera invisibile senza lasciare traccia su device e smart tv.
Qui di seguito alcuni dei file riportati negli ultimi cinguetti postati sul profilo ufficiale di WikiLeaks. Scorrendo la timeline si percepisce quanto le accuse lanciate da Assange possano essere gravi: si parla di sabotaggio di computer Windows ma anche di svariate tecniche di hackeraggio per controllare da remoto qualsiasi dispositivo connesso alla rete.

Al momento non è stato rivelata la fonte primaria dalla quale sono state reperite tutte le informazioni pubblicate sulla piattaforma di WikiLeaks ma, stando agli insider si tratterebbe proprio di un ex dipendente della stessa Central Intelligence Agency americana. Quest’ultima al momento risponde con un secco “no comment.”

> Cos’è WikiLeaks? <

Photo Credit: Wikipedia

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanTech

Leggi anche

Commenta via Facebook

Parliamo di...