in ,

WWE Raw 25th anniversary: Steve Austin e Vince McMahon, il ritorno di The Undertaker e di Boogeyman

Questa notte, contemporaneamente in due arene diverse, è andata in onda la grande festa per il WWE Raw 25th anniversary. Lo show rosso compie 25 anni e il chairman Vince McMahon ha voluto festeggiare con una grandissima reunion. Peccato che Stone Cold Steve Austin ha rovinato la festa ed ha colpito con una Stunner sia il Big Boss, che il figlio Shane McMahon. La rivalità tra Austin e i McMahon ha fatto la storia della WWE.

Questa notte, dunque, ci sono stati tantissimi ritorni, in particolare quello di The Undertaker, il quale ha registrato un promo nel quale ha dichiarato che venticinque anni fa è iniziata la sua carneficina e tutte le leggende ne hanno fatto le spese. I fan della WWE, però, si aspettavano l’inizio di un feud con John Cena, invece quest’ultimo è stato attaccato da Elias Samson e probabilmente i due si affronteranno nel prossimo PPV esclusivo dello show rosso, WWE Elimination Chamber. Gli altri ospiti hanno presenziato nel backstage e tra loro c’era anche Boogeyman, il celebre wrestler che inghiotte vermi e terrorizza gli avversari. Questa volta a farne le spese sono stati il general manager Kurt Angle e gli ex gm Jonathan Coachman e Theodor Long.

Oltre ai graditissimi ritorni, questa notte si è consumata anche la sconfitta di Roman Reigns, che ha perso il titolo intercontinentale contro The Miz. L’ex componente dello Shield adesso parteciperà alla Royal Rumble e poi affronterà Brock Lesnar a Wrestlemania per il titolo universale.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

Uefa Nations League come funziona

Uefa Nations League che cos’è, come funziona, calendario partite: sorteggio dei gironi a Losanna

Calciomercato Milan, la dirigenza fa muro con Gustavo Gomez: l’agente spacca una finestra