in ,

WWE Raw, la furia di Braun Strowman dopo il licenziamento: distrugge il backstage, ribalta un camion e attacca Michael Cole

Questa notte è andato in onda un nuovo episodio di WWE Raw, antecedente alla puntata speciale del 25esimo anniversario dello show rosso. Ad inizio puntata, il general manager Kurt Angle è intervenuto sul ring per licenziare Braun Strowman in seguito all’aggressione ai danni di Kane e Brock Lesnar nella scorsa puntata. Il mastodontico wrestler non ha preso bene la decisione ed ha distrutto letteralmente il backstage, distruggendo il camerino del gm e ribaltando il camion dove risiedono i tecnici audio e video della federazione statunitense. Strowman poi ha attaccato anche il commentatore Michael Cole, scaraventandolo addosso alla sicurezza.

A quel punto Kurt Angle è stato costretto ad intervenire ed ha riammesso Braun Strowman nella federazione. Il mastodontico wrestler prenderà dunque parte al triple treath match di Royal Rumble 2018 per il titolo universale contro Brock Lesnar e Kane. L’attacco di questa notte potrebbe essere anche l’inizio di un probabile feud con Triple H, uno dei capi della WWE e marito di Stephanie McMahon. I due potrebbero affrontarsi nella prossima edizione di Wrestlemania.

Braun Strowman dovrebbe essere presente anche nella prossima puntata, quando ci saranno i festeggiamenti per i 25 anni di WWE Raw. Dovrebbe essere presente anche il campione universale, Brock Lesnar, dopo il pesante attacco subito la scorsa settimana nel backstage.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

dolores cranberries morta

Cantante Cranberries Dolores: drammatici retroscena dal suo passato, mistero su cause morte

Lazio - Bologna probabili formazioni

Calciomercato Napoli, le parole di Verdi dopo il no agli azzurri: “Non volevo lasciare il Bologna”