in

10 città emergenti da visitare assolutamente nel 2016

Quali città varrà la pena (ri)scoprire nel 2016? La fine dell’anno è tradizionalmente tempo di bilanci, ma anche di buoni propositi per l’anno successivo: ecco perché Urban Viaggi ha selezionato per voi 10 città emergenti da visitare assolutamente nel 2016.

1. Ravenna. Tra le tante città italiane, vi vogliamo suggerire la provincia romagnola dal passato più glorioso, di cui riscoprire le ricche testimonianze artistiche dell’Esarcato bizantino: c’è da perdersi tra gli ori di queste sorprendenti decorazioni musive! Da visitare anche perché il comitato “Ravenna 2019” per la candidatura della città a Capitale europea della cultura propone sempre un cartellone ricco di eventi, consultabile qui.

2. Reykjavik. La capitale più a Nord del mondo è una meta sorprendente: natura e cultura si incontrano nella bella città islandese dall’anima cosmopolita e dai paesaggi mozzafiato, che si perdono tra baie, isole e colline.

3. Eindhoven. Se non avete mai visitato i Paesi Bassi, potete abbinare alla visita di Amsterdam quella di Eindhoven, caratteristica cittadina situata tra i fiumi Dommel e Gender che vanta importanti centri culturali e una vita notturna frizzante. Da non perdere il variopinto Carnevale, che l’accomuna alle altre città del Brabante.

4. La Valletta. La città maltese sarà Capitale europea della cultura nel 2018: perché non riscoprirne il fascino fin dai prossimi mesi? Sorta in un territorio originariamente desertico, La Valletta richiama nella sua architettura suggestioni dell’Oriente e dell’Africa. Da non perdere un tour tra le specialità gastronomiche locali e una visita alla Concattedrale di San Giovanni, sorprendente nella sua ricchezza decorativa dorata.

5. Varsavia. Non avreste mai considerato la Polonia come meta delle vostre vacanze? Urban Viaggi vi ha già parlato di questo paese suggerendovi 12 esperienze da vivere una in ogni stagione dell’anno, e ora è lieta di suggerirvi come meta Varsavia, città di tendenza che merita di essere visitata sia per il fermento artistico-culturale sia per lo sviluppo architettonico che la caratterizza. Da abbinare a una visita a Cracovia, dove si svolgerà la Giornata mondiale dei giovani 2016.

6. Riga. La Lettonia, citata anche da Lonely Planet nella sua guida “Best in Travel 2016”, è un paese tutto da scoprire: la capitale è uno dei principali centri culturali, politici ed economici della zona, da visitare per le bellissime testimonianze architettoniche e per i raffinati edifici di art nouveau.

7. Budapest. La capitale ungherese ha visto negli ultimi anni un afflusso turistico crescente: ci sarà un motivo se è stata definita la città più bella del Danubio…Una meta imperdibile per chi cerca magia e romanticismo.

8. Atene. La capitale greca sta affrontando con dignità e spirito propositivo la crisi che la sta attraversando: perché non scegliere di visitarla, anche per sostenerne l’economia?

9. Montevideo. Tra i paesi da scoprire assolutamente nel 2016 c’è l’Uruguay: perché non partire proprio da questa metropoli? La recente ripresa economica lascia sperare in una maggiore prosperità economica per il futuro. Lasciatevi sorprendere dal centro storico – la Ciudad Vieja – e dai bei quartieri del Cordón e del Centro.

10. George Town, in Malesia. Citata da Lonely Planet tra le città da visitare nel 2016, vanta tra i vari monumenti il tempio di Kek Lok Si conosciuto anche come “tempio del Paradiso”, maggiore luogo di culto buddista della città e di tutto il paese: da non perdere per nulla al mondo.

In apertura: vista di Reikiavik da Perlan, foto di Diego Delso/Wikimedia Commons 

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

pranzo di natale 2015, pranzo di natale 2015 ricette, pranzo di natale 2015 roma, ricette romane natale,

Pranzo di Natale 2015 a Roma: le ricette tipiche della tradizione

caso bozzoli news morte ghirardini

Caso Bozzoli, giallo pacchetto di sigarette: “Non è di Beppe Ghirardini”