in ,

10 classiche bugie all’inizio di una relazione

I primi mesi di una potenziale relazione sono equiparabili ad un biglietto da visita bianco: a meno che non siate stati presentati dall’amica del cugino della sorella della vostra (o del vostro) ex -troppi sbattimenti… Mollate in partenza! – frequentare una persona nuova vi permette di inscenare il personaggio che meglio vi rappresenta nella vostra ideale vita da supereroi! Tanto lei/lui che ne sa che son tutte balle colossali?

L’obiettivo, in quei momenti, pare essere uno soltanto: fare bella figura con lei/lui, gli amici, i parenti e i futuri (o le future) partner che dovranno subirsi il perenne confronto con noi, ex “modello” – eh sì… Diamo spesso per assodato che non potremo reggere più di un tot e di conseguenza pensiamo già a chi strapperà il prossimo numerino per mettersi in fila.

Una bella bottiglia di vino fermo a tavola – tu la odi ma fingi ti faccia impazzire perché lui/lei non vedeva l’ora di stapparla, weekend in montagna – Heidi e le sue caprette hanno animato i tuoi peggiori incubi notturni ma vai a riesumare un paio di scarponcini dell’87 fingendo siano usurati dalla passione e non dalla polvere, aperitivo con la sorella di lui/lei prima della cena – sì sì… la stessa che ti ha infamato ai tempi del liceo e che adesso è diventata “così adoraaaabileee”… La lista sarebbe infinita. Diciamocelo: la quantità di balle che riusciamo a sfornare nei primi appuntamenti è a dir poco imbarazzante!

Eppure… Guarda caso a inizio rapporto siamo tutti fantastici!

1- Balla classica:

Sai… Non è da me fare così, tra l’altro! Men che meno ad un primo appuntamento! È solo che con te pare essere tutto diverso…

2- Balla pret-â-porter:

Lui: “La mia ex era divorata dalla gelosia. Sono arrivato ad un punto in cui davvero non ce l’ho più fatta e ho mollato il colpo. Che senso ha fare tutte quelle scenate per nulla?

Tu: “Uuuuh, a me lo dici? Io, poi, nemmeno so cosa voglia dire esser gelosi: una perdita di tempo!

3- Balle di calcio:

Lui: “Che poi, fondamentalmente, il calcio non mi fa impazzire: guardo giusto le partite più importanti

Lei: “A me il calcio non dispiace per niente!” (Guardare i calciatori non vale, ndr)

4- Balla lungimirante:

I tuoi amici??? Sono troppo simpatici!!!

5- Balla acculturata:

Cosa cosa? Una lettura di poesie giapponesi accompagnate da tanto di recensioni finali che durerà all’incirca tre ore? Ma che meraviglia! E me lo chiedi? Non aspettavo altro!

6- Balla coi lupi:

Ma figurati se mi dà fastidio che il tuo cane dorma sulle lenzuola con noi lasciando 9832687 peli! No no no… davvero! Anzi…

7- Balla amarcord:

Cosa dicevi, scusa? Se mi sento con l’ex? Ma vvvvvvvaaaaaaaa! E comunque no: l’anello col cuore che porto sempre al dito me l’ha regalato la mia migliore amica…

8- Balla arrotondata per difetto:

Con quanti sono stata/o? Mmm, mah… Niente di che!” (e sparerete una cifra approssimata per difetto eliminando, con molta nonchalance, uno zero)

9- Balla avvelenata:

Lui: “Mi dici cos’hai per favore?

Lei: “… Niente, davvero!

10- Balla evergreen:

A me del tuo passato non importa nulla: ci siamo io e te, punto. Da qui si comincia…

La vera bomba a mano esplode nel momento stesso in cui il tempo inesorabilmente passa, il ruolo interpretato non regge più del dovuto e vi ritrovate faccia a faccia con la realtà di coppia.

Morale: il vostro psicologo ha appena comprato la seconda casa a Santa Margherita grazie a voi. Sentitevi importanti!

Marco Belinelli

Italia – Israele 82-52 highlights Europei Basket 2015 ottavi di finale

Europei di basket 2015, avversaria Italia: la Lituania ai raggi X