in , ,

11 marzo, a cinque anni dal disastro di Fukushima, come ha reagito il Giappone?

Era l’11 marzo 2011 quando un terremoto, di magnitudo 9 con epicentro in mare, scosse la regione del Tohoku, situata nella parte orientale del Giappone. Il maremoto successivo ha pesantemente danneggiato la centrale di Fukushima Dai-ichi che si trovava a 60 chilometri dalla città. I quattro distinti incidenti e le fusioni dei noccioli dei reattori 1,2 e 3 hanno portato allo sversamento di materiali che hanno innalzato di 4400 volte i livelli di radioattvità, causando oltre 150 mila morti e 160 mila feriti.

Nonostante la tragedia di proporzioni bibliche, la popolazione giapponese si è dimostrata, ancora una volta, in grado di tirare fuori il meglio di sé per rialzarsi dalle difficoltà. A distanza di pochi giorni, anche grazie agli aiuti internazionali, sono state ricostruite le strade e le ferrovie principali (oltre 4000Km). Anche quest’anno, come nei precedenti, la Tepco (Tokyo Electric Power) società che gestiva l’impianto di Fukushima, ha stanziato 19,5 miliardi di euro. Stando ai dati riportati dalla stessa agenzia, ad oggi si è stati in grado di ricostruire 12 mila abitazioni e di rimettere in sicurezza il 95% degli ospedali e il 98% delle scuole.

Ciò che ancora preoccupa, però, è lo smantellamento dei reattori nucleari (resi nuovamente operativi dal nuovo capo del governo Shinzo Abe), lo smaltimento delle acque radioattive e la decontaminazione delle acque e dei terreni. Per quanto riguarda l’ultimo punto sono stati fatti grandi passi in avanti, i livelli di radiazioni si sono infatti abbassati di oltre 200 volte in 5 anni. Restano però da smaltire ancora 750 mila tonnellate di acqua radioattiva che ad oggi ancora non si sa come possa essere smaltita. La decisione che ha fatto più clamore è stata quella presa dall’attuale governo giapponese che ha deciso di non rinunciare a un’importante fonte di energia per il paese come il nucleare, riattivando i cinque reattori della centrale di Fukushima, spenti all’indomani dell’11 marzo 2011.

Kobe Bryant basket nba

Nba risultati e highlights della notte: Bryant sfida James e per poco non lo beffa, bene gli Spurs

Piazza Italia offerte di lavoro

Piazza Italia lavora con noi 2016: offerte di lavoro a Milano, Bologna, Firenze e altre città