in

Staminali e trapianti di midollo: all’Ospedale Bambin Gesù sperimentata una tecnica innovativa

Una tecnica innovativa che consentirebbe di effettuare il trapianto di midollo nei bambini anche in assenza di donatori compatibili. Come? Prelevandolo direttamente dai genitori.

ricerca programma finanziamenti MIUR

È questo il metodo rivoluzionario di ingegneria dei trapianti che all’Ospedale pediatrico Bambin Gesù ha già permesso di mantenere in vita ventitré bambini affetti da tumori del sangue e malattie genetiche.

Presentato ieri 17 giugno 2014 a Roma dal direttore scientifico dell’ospedale della Santa Sede Bruno Dallapiccola e da Franco Locatelli e Alice Bertaina, rispettivamente responsabili del reparto di medicina trasfusionale e dell’unità di trapianti del midollo, il metodo ha l’enorme vantaggio di riuscire a “ripulire” le cellule staminali del genitore donatore, eliminando le cattive e mantenendo in vita quelle buone, che preservano il paziente dalle infezioni che può contrarre soprattutto nei quattro mesi successivi al trapianto.

Il risultato? La probabilità di guarigione definitiva supera il 90% ed è paragonabile a quella ottenuta in presenza di un donatore compatibile. E i ricercatori stimano che ogni anno altri quaranta bambini senza donatori idonei possano avere una chance di cura definitiva.

(fonte: Il Fatto Quotidiano)

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

gino

Nuovo libro Gino Paoli tra Beppe Grillo suicidio e Mina

Ines Sainz giornalista Messico regina dei Mondiali al posto della Carbonero