in

15 marzo sciopero riscaldamento globale: cosa sono i Fridays for Future

Quella di oggi sarà certamente una giornata destinata ad entrare nella storia della lotta per il clima, perché in ballo c’è il futuro, il benessere nostro e del pianeta. I Fridays for The Future hanno il volto, ma soprattutto il coraggio e la determinazione di Greta Thunberg, una ragazzina di soli sedici anni, di origini svedesi, lunghe trecce bionde, che vanta su Instagram oltre 85 mila followers, candidata al Premio Nobel per la Pace. Ed è stata proprio lei sui social a lanciare l’ultimo appello, quello più importante, quello che denuncia un’emergenza contro il riscaldamento globale, contro le emissioni di anidride carbonica, che figura appunto tra i principali gas serra.

I “Fridays for The Future” hanno il volto, ma soprattutto il coraggio e la determinazione di Greta Thunberg

Tutto è partito da post pubblicato da Greta Thunberg, appena 4 giorni fa su Twitter, diventato virale. Quel «grido» nel giro di poco ha scosso le coscienze, soprattutto dei più giovani, che per il proprio futuro sognano in grande e vogliono rispettare l’ambiente in cui vivono. Gli studenti di 123 Paesi diversi, con manifestazioni previste oggi in 2052 città ai quattro angoli del pianeta, hanno risposto alla chiamata di Greta Thunberg e hanno deciso che è tempo che le parole lascino il posto ai fatti. “Skolstrejk för klimatet” questa è la scritta che campeggia sul cartello che Greta Thunberg porta sempre con se e sulla scia di quel messaggio, convinti e uniti, per battersi per una causa più grande di loro, oggi in migliaia si mobiliteranno nel primo grande Sciopero Globale per il Futuro.

Fridays For Future: l’Italia tra i paesi più impegnati

Numeri alla mano: i “FridaysForFuture” vedono l’Italia tra i paesi più impegnati (e non può che farci piacere) con 235 raduni organizzati, prima di Francia (216), Germania (199), Stati Uniti (168), persino della Svezia (129) e della Gran Bretagna (111). Hanno aderito anche gli studenti di Spagna Portogallo, Belgio, Irlanda e Finlandia. Lo scorso martedì il Ministro Bussetti aveva ribadito che si trattava di un venerdì come tanti, in cui si andava scuola regolarmente. I giovani italiani però hanno capito che certi principi e alcune lotte vanno combattute a costo anche della disubbidienza e i cartelli portati nelle piazze sono la più lampante testimonianza del loro impegno: «Governi agite, il tempo sta scadendo!» e ancora «Ci siamo rotti i polmoni» e infine «Perché studiare per un futuro quando non ci sarà un futuro».

Fridays for Future e il cambiamento climatico

Lo sottolineiamo, quella di oggi è una giornata importante, soprattutto considerando che il via lo ha dato una adolescente, Greta Thunberg, che fino a sei mesi fa sedeva da sola, ogni venerdì, di fronte al Parlamento svedese, e che oggi invece è l’ispiratrice dei Fridays For Future, «un movimento apartitico, nonviolento, transnazionale», che ha riportato in luce un problema che può avere delle conseguenze devastanti per tutti noi: il cambiamento climatico. Alla domanda perché le stia così a cuore la questione ambientalista la risposta è chiara: «Perché quello che facciamo adesso non potrà essere cancellato dalle generazioni future. Stiamo decidendo adesso come vogliamo sia il nostro futuroDobbiamo cambiare adesso, perché domani potrebbe essere già tardi». 

leggi anche l’articolo —> Chi è Greta Thunberg, il genio svedese che ha smosso le coscienze delle potenze mondiali alla Conferenza sul clima in Polonia

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Loredana Lecciso su Al Bano: «Amavo un pericoloso terrorista e non lo sapevo»

Wanda Nara, su Instagram foto sempre più bollenti: fan impazziti