in ,

21 gennaio 1908: viene approvata a New York l’Ordinanza Sullivan

Il 21 gennaio del 1908 a New York venne approvata una legge municipale nota come ‘Ordinanza Sullivan’, che di fatto vietava alle donne di fumare in pubblico. Se si trasgrediva a questa legge si poteva essere multate o, addirittura, incarcerate. La stessa cosa era valida per chi permetteva alle donne di fumare in luoghi pubblici come ristoranti e hotel. I gestori di queste pubbliche attività, se avessero lasciato correre, sarebbero incorsi in altrettante sanzioni.

Questa “Ordinanza Sullivan” fece molto discutere l’opinione pubblica e i giornali, tanto che il New York Times apparve con il titolo: Non è consentito alle donne di fumare in luoghi pubblici. “L’Ordinanza Sullivan” rendeva tutto questo illegale e il giornale si chiedeva se le signore si sarebbero ribellate come era già avvenuto a New Amsterdam (il vecchio nome di New York nel 1600) quando Peter Stuyvesant (1612-1672 – politico e mercante olandese, conosciuto per essere stato l’ultimo governatore olandese della colonia della Nuova Olanda) aveva imposto alle donne di indossare degli abiti adeguati, molto ampi.

Il giorno dopo l’approvazione di questa “Ordinanza Sullivan” c’è stato il primo arresto per la trasgressione di questa legge. La malcapitata Katie Mulcahey, secondo il racconto del poliziotto che l’ha arrestata, all’1.20 della mattina si era accesa una sigaretta, sfregando un fiammifero su un muro esterno di una casa. La donna fu multata con 5 dollari e, in seguito al suo rifiuto di pagare l’ammenda, è stata messa in carcere. La Mulcahey, per delle imprecisioni nella stessa Ordinanza, è stata scarcerata il giorno dopo.

Roma news

Coppa Italia, Roma – Empoli risultato finale: 2-1 dts highlights, sintesi, video gol

smartphone batteria

Come aumentare la durata della batteria carica dell’iPhone 6 e smartphone Android: impostazioni per un’autonomia elevata