in ,

22 luglio 1927, nasce l’AS Roma: dalle origini agli anni di Francesco Totti

La storia dell’AS Roma viene dipinta da appassionati e tifosi come qualcosa di mitico, quasi come se anche i giallorossi fossero retaggio del passato storico della Capitale; la nascita della società viene datata il 7 giugno del 1927 anche se la storiografia pone come data ufficiale il 22 giugno del 1927, giorno in cui viene emesso il primo ordine del giorno del club.

I giallorossi videro la luce dei primi campi di calcio attraverso la fusione di diverse società che nei primi anni ’20 operavano nella Capitale; Alba, Fortitudo e Roman, tre tra le più attive e rinomate formazioni locali confluirono su iniziativa di Italo Foschi nell’Associazione Sportiva Roma. Come colori sociali furono scelti subito il giallo e il rosso, le tonalità simbolo della Città Eterna. Il problema principale da affrontare però fu la scelta dei giocatori visto che Alba, Fortitudo e Roman avevano rose ampie: fu deciso così di nominare una commissione tecnica che selezionò i migliori elementi da tutte e tre le squadre.

L’allenatore prescelto per avviare la squadra fu William Garbutt, tecnico vincente ed esperto che aveva reso grande il Genoa. La prima stagione della Roma nel campionato italiano fu subito trionfale, con i giallorossi che si aggiudicarono la Coppa CONI il 29 luglio del 1928 battendo il Modena; da quel momento la corsa dell’undici della Capitale non si è più fermato: nel 1942 arrivò il primo dei tre scudetti che attualmente conta il palmares della Roma, a cui si aggiungono le 9 Coppe Italia e le due Supercoppa Italiana. Una storia che ha visto nell’ultimo ventennio in Totti il suo simbolo più grande e che con l’avvento della proprietà americana che ha sostituito la famiglia Sensi sta vivendo una seconda giovinezza. Buon compleanno AS Roma!

Emanuele D'Avanzo e Alessandra De Angelis

Temptation Island 2, Emanuele e Fabiola tradimento filmato agli infrarossi: che farà Alessandra?

riforma pensioni 2015 ue

Riforma pensioni 2015 ultime novità: quota 100, assegno universale, mini pensioni, penalità o incentivi prima o dopo i 65 anni