in

29 aprile 1429, guerra dei cent’anni: la svolta di Giovanna d’Arco

Il 29 aprile del 1429 è una data cruciale per la storia della Francia e per l’assetto europeo attuale. In questo giorno la guerra dei cent’anni ebbe una svolta decisiva, grazie alle gesta della prode Giovanna d’Arco, la giovane contadina diventata simbolo della Francia rompendo l’assedio di Orléans e infliggendo così una pesante sconfitta alle truppe inglesi, un momento che segnò le sorti della battaglia. La guerra dei cent’anni è un conflitto che ha visto duellare il Regno di Francia e il Regno d’Inghilterra per 116 anni, dal 1337 al 1453, con tregue e momenti di pace che si susseguirono durante questo periodo. Una battaglia che si concluse con la vittoria dei francesi che allontanarono gli inglesi da tutti i territori del loro continente, a esclusione della cittadina di Calais, di cui si impossessarono solo successivamente nel 1558.

Questa interminabile battaglia nacque principalmente dalla disputa per il trono del Regno di Francia, infatti, alla morte di Filippo IV, il trono francese si trovò a essere conteso tra due suoi nipoti, Carlo di Valois e il re di Inghilterra Edoardo III, figlio di Isabella di Francia. Carlo di Valois venne incoronato ed Edoardo III di contro dichiarò guerra. Un conflitto tra i due Regni che ebbe diversi momenti importanti: il patto di Bretigny, che suggellò una dura sconfitta per la Francia che perse gran parte dei territori sud occidentali, la dichiarazione di guerra proclamata da Carlo V re di Francia deciso di riprendere possesso delle zone perdute, che portò alla sconfitta degli inglesi e alla riconquista di numerosi territori. Gli anni che seguirono furono caratterizzati dalle crisi dinastiche e dallo sfociare della guerra civile tra Armagnacchi e Borgognoni, quest’ultimi appoggiati dagli inglesi che approfittando delle lotte interne occuparono la Normandia e Parigi ed ottennero il trattato di Troyes, che comportò la nomina di Enrico VI di Lancaster a Re di Francia.

A cambiare le sorti del Regno francese arrivò Giovanna d’Arco, una contadina dalle umili origini, che si recò da Carlo VII affermando che l’arcangelo Michele e le sante Caterina d’Alessandria e Margherita d’Antiocchia la spingevano ad agire per il bene della Paese. Da quel momento in poi la guerra registrò una svolta a favore dell’esercito francese che guidato dalla prode guerriera inflisse numerose sconfitte agli inglesi, tra cui quella del 29 aprile del 1429. Una data in cui i francesi ruppero l’assedio di Orléans e riuscirono a far rinascere quella voglia di vittoria che portò alla riconquista di Parigi e dei territori settentrionali. La guerra dei cent’anni finì nel 1453 con la Battaglia di Castillon e con l’abbandono degli inglesi che mantennero solo la città di Calais.

Guerrina Piscaglia news

Guerrina Piscaglia news, catechista rivela: “È vero, amava padre Gratien”

Delitto Cogne ultime news

Delitto Cogne: confermati gli arresti domiciliari per Anna Maria Franzoni