in ,

3 Marzo, Festa delle ragazze o delle bambole: in Giappone è Hinamatsuri

Celebriamo oggi, 3 Marzo 2016, la festa Giapponese di Hinamatsuri ovvero la Festa delle Ragazze o Festa delle Bambole: per Urban Memories indagheremo gli usi e l’origine di questa tradizione.

Hinamatsuri (o Hina Matsuri) si festeggia il 3 Marzo di ogni anno in Giappone ponendo bambole raffiguranti l’imperatore o l’imperatrice su di una piattaforma a gradini (hina dan) decorata con un prezioso tappeto rosso con una striscia arcobaleno nella parte inferiore (hi-mōsen): insieme alle rappresentazioni delle figure reali, anche attendenti e musicisti sontuosamente abbigliati con vestiti di corte del periodo Heian, ovvero l’epoca compresa tra il 794-1185. In particolare, ogni 3 Marzo i familiari delle bambine pregano affinché la sfortuna venga passata alle bambole e alle ragazzine vengano date bellezza e salute: come detto, l’origine di Hinamatsuri è collocabile intorno al VII Secolo, periodo in cui si credeva che le bambole potessero allontanare gli spiriti malvagi e le malattie.

Il set di bambole, chiamato hina-ningyō, non viene ovviamente disposto in ordine casuale ma secondo i dettami voluti dalla tradizione: in particolare, la piattaforma è costituita da sette gradini, il primo dei quali occupato dalle bambole degli imperatori che, solitamente, hanno alle spalle un paravento dorato e, in alcuni casi, anche delle lanterne di carta di fianco. A seguire, nel secondo gradino vengono poste tre dame di corte separate tra loro da tavolino con sopra un dolce di stagione mentre, sul terzo gradino, vengono posizionati cinque musicisti. Nel quarto e quinto gradino sono posti, rispettivamente, due ministri (di cui un giovane e un anziano) e tre samurai: sul sesto e settimo gradino, infine, vengono disposti gli oggetti usati dalla corte all’interno del palazzo e quelli usati lontano dalla dimora imperiale. Come ogni festa che si rispetti, anche Hinamatsuri ha i suoi dolci e cibi tipici: in particolare, per la Festa delle bambine si prepara l’hishimochi ovvero un dolce composto da uno strato di riso bianco, uno verde e uno rosa. Rispettivamente, i tre strati rappresentano la terra, la neve e i fior di pesco e, insieme, la primavera: questo dolce viene generalmente accompagnato dall’amakaze (sakè non alcolico) e dagli arare (salatini di riso).

 

(Foto: ziggy_mars/Shutterstock)

Decathlon lavora con noi

Decathlon lavora con noi 2016: ecco le ultime posizioni aperte

Juventus-Lazio probabili formazioni Supercoppa italiana

Juventus news, Allegri rinnova fino al 2019?