in

30 maggio 1431: Giovanna d’Arco morì sul rogo

Il 30 maggio 1431 morì sul rogo Giovanna d’Arco, l’eroina di Francia che cambiò le sorti della guerra dei cent’anni liberando Orlèans dall’assedio degli inglesi, un momento decisivo che portò le truppe francesi a vincere la battaglia. La sua storia, non ebbe però un lieto fine, infatti, dopo solo due anni dal suo trionfo fu condannata per eresia dal tribunale ecclesiastico e arsa viva sul rogo, nella piazza del mercato di Rouen.

Una giovane contadina dalle umili origini che sin dalla tenera età mostrò la sua fede in Dio con gesti di carità verso i più bisognosi. Una devozione che la spinse a recarsi al cospetto di Carlo VII per salvare le sorti del Paese, dicendo che delle voci celesti la mandavano a liberare la Francia dagli invasori. Furono proprio gli inglesi ,che dopo la sua forzata uscita di scena dalla battaglia, la condannarono a morte per quelle misteriose voci che la guidavano nelle sue gesta.

Solo dopo la sua tragica uccisione fu resa giustizia alla sua memoria, quando Papa Callisto III ordinò la revisione di quel processo è la figura di Giovanna d’Arco fu riabilitata. Con il passere dei secoli altri meriti le furono riconosciuti, diventò Santa e oggi simbolo e patrona di Francia. Nel tempo la sua storia è diventata leggendaria, da sempre, infatti, registi, cantanti, scrittori e poeti ricordano con immagini, musica e parole il coraggio della prode guerriera che salvò la Francia e che ingiustamente fu arsa viva sul rogo.

Amici di Maria De Filippi facebook

Programmi Tv oggi, sabato 30 maggio: Amici 14 e Senza parole

Vietnam donna abortisce 18 volte

Vietnam, donna abortisce 18 volte: il marito vuole figlio maschio