in , ,

31 marzo 2005, muore Terri Schiavo: l’eutanasia in Italia e nel mondo, che cosa prevede la legge oggi

Era il 31 marzo 2005, quando Terri Schiavo si è spenta all’età di 41 anni, nel centro residenziale di cure palliative di Pinellas Park, in Florida: si è compiuta così la volontà del marito, che dopo aver combattuto una strenua battaglia legale ha deciso di fare interrompere l’alimentazione alla donna che da 15 anni viveva in stato vegetativo persistente.

In Europa i Paesi che hanno legalizzato il suicidio assistito e l’eutanasia attiva (ovvero la somministrazione di farmaci che induce la morte) sono Olanda, Belgio, Lussemburgo e Svizzera. In Olanda la prima legge che legalizza l’eutanasia è entrata in vigore il 1° aprile del 2002, mentre nel vicino Belgio nel settembre 2002; sempre qui, dal 13 febbraio 2013, è legale anche l’eutanasia sui minori. Nel Lussemburgo la normativa risale al marzo 2009. In Svizzera, infine, la legge consente l’aiuto al suicidio, anche ai cittadini stranieri, a patto che sia prestato “senza motivi egoistici”. In Germania, la Corte di giustizia tedesca si è espressa a favore dell’eutanasia passiva, cioè l’interruzione di un trattamento medico necessario alla sopravvivenza dell’individuo; solo qualora sia chiara la volontà del paziente, è ammessa l’eutanasia attiva. Eutanasia passiva ammessa anche in Spagna, parzialmente ammessa in Francia; in Gran Bretagna, può essere consentita in casi estremi. Direttive anticipate di trattamento sono riconosciute sia in Danimarca che in Australia.

Nel resto del mondo, l’eutanasia è legale in Cina, Colombia e Giappone; in Thailandia, è permessa quella passiva. Negli States, l’Oregon ha adottato una legislazione che la ammette in particolari situazioni; legislazioni analoghe sono state approvate negli stati di Montana, Vermont e Washington.

Cosa accade, oggi, in Italia? Nel nostro paese l’eutanasia attiva e il suicidio assistito sono un reato. Come ha reso noto IlSussidiario.net, nel mese di marzo è approdata alla Camera dei Deputati il ddl per legalizzare la morte dolce su richiesta, proposta che è stata sostenuta da Arturo Scotto di Sinistra Italiana e dall’Associazione Luca Coscioni, da sempre impegnata per ottenere una normativa sul tema e perché venga alla luce il fenomeno dell’eutanasia clandestina. Le condizioni per poterla richiedere sarebbero la presenza di “una patologia incurabile con conseguenze psichiche e fisiche insopportabili, l’incapacità di intendere e volere, la prognosi di irreversibilità”. Al momento, non è dato sapere cosa è emerso dalla discussione parlamentare.

In apertura: Roman Motizov/Shutterstock.com

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Uomini e Donne Trono Over protagonisti

Anticipazioni Uomini e Donne puntata 31 Marzo: in onda il trono classico o over?

curvy, moda curvy, tendenze moda primavera estate 2016, moda curvy 2016, moda curvy primavera estate 2016, come vestirsi se si è curvy, cosa indossare se si è curvy, moda curvy primavera estate 2016, moda curvy consigli, come vestirsi bene curvy,

Tendenze moda curvy: consigli per un look colorato e sensuale per la Primavera 2016