in ,

Calciomercato Juventus: per Dybale serve un’offerta indecente, sopra i 100 milioni di Euro

Che l’attenzione mediatica verso Paulo Dybala, giustificata da goal e assist, fosse alta si era capito: prime pagine, titoloni, editoriali e quant’altro. Che questo abbia portato molti club ad alzare le antenne sondando e visionando in prima persona il talento classe ’93 era nell’aria e ne avevamo già parlato in precedenza. Ma il giovanissimo astro della Juventus, che Sabato contro il Napoli non ha segnato, ha creato una vera e propria asta silenziosa. Tutti fermi, tutti bloccati, tutti indifferenti, eppure il silenzio spesso parla più di mille parole. Dybala è al centro di un vero e proprio assalto di mercato? Non è così semplice, i top club stranieri interessati stanno agendo nell’ombra senza attaccare all’arma bianca. Dal canto suo l’argentino continua il lavoro sul campo, senza palesare alcun tipo di mal di pancia. Leo Messi lo ha vivamente sponsorizzato al Barcellona. Il Paris Saint-Germain era pronto a fare follie per prenderlo qualora fosse arrivato Simeone al posto di Blanc: niente di fatto.

Certo, Barcellona e Saint German, ma l’unica società che ha veramente sondato l’attaccante della Juventus è stato il Manchester United. I Red Devils hanno provato in queste settimane a strappare il talento bianconero alla corte di Allegri, ma alla domanda “quanto costa?“, la risposta da Torino è stata “è incedibile“. Al di là della metafora, il significato è: avete presente Pogba, uguale. Serve un’offerta indecente.

Ma quanto vale un’offerta indecente? Privarsi di un classe ’93 con quel talento e quella classe richiede un’entrata eccezionalmente alta, sopra i 100 milioni. Fuori mercato, fuori da qualsiasi logica di acquisto. Il messaggio è chiaro: sono finiti i tempi in cui la Juventus cedeva i suoi top player, adesso i bianconeri li comprano. Capitolo Barzagli. Il rinnovo del difensore è slittato, ancora distanza tra le parti. Le milanesi sono attenti.

 

Cinema, Festival di Berlino,

Festival di Berlino 2016, da “Cartas da guerra” a “Fuocoammare”: i principali titoli della 66^ edizione

15 febbraio, nasce Totò “Il principe della risata”: 69 anni di comicità