in

Ma quale amore eterno e affinità elettive, la monogamia è una scelta adattativa per sopravvivere

La rivista Nature Communications ha deciso di far calare miseramente il sipario sui sogni di amore eterno degli inguaribili romantici. Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’università canadese di Waterloo, diretto da Chris Bauch, ha dimostrato che l’uomo ha scelto di virare verso la monogamia per ragioni empiriche al posto che ideologiche. Sarebbero stati proprio i maschi, già in era preistorica, ad intuire che fosse meglio – al fine di tutelarsi – mettere nel cassetto la propria indole di cacciatori a favore di una relazione stabile che li avrebbe messi al sicuro da malattie sessualmente trasmissibili.

Insomma, il tanto agognato e romantico “finché morte non ci separi” è stato creato per salvarsi da una morte prematura dettata da comportamenti promiscui. La ricerca spiega efficacemente che “Nelle prime popolazioni di cacciatori-raccoglitori era comune per pochi maschi monopolizzare l’accoppiamento con più femmine, per aumentare la possibilità i avere molti figli. In queste piccole società (con un massimo di 30 individui sessualmente maturi) i focolai di infezioni sessuali sono di breve durata e tendono a non avere un significativo effetto sulla popolazione. Ma se le dimensioni del gruppo crescono, come è avvenuto appunto con il passaggio all’agricoltura, la prevalenza di malattie sessuali sarebbe aumentata. Senza la possibilità di vaccinarsi o curarsi, l’insorgenza di malattie, e di conseguenza di sterilità, aumentava esponenzialmente: da ciò nasce la scelta monogamica e la punibilità sociale per i trasgressori.

Le nostre norme sociali non si sono sviluppate in un completo isolamento da quello che stava accadendo nel nostro ambiente naturale. Al contrario, non possiamo capire norme sociali senza capire le loro origini nel nostro ambiente naturale” asserisce Bauch. La mela divisa in due, l’anima gemella, l’eterna devozione sarebbero quindi il frutto di una necessità, quella di sopravvivere, tramutata in ragioni poetiche.

antonio razzi problema topi a roma

Topi a Roma, Antonio Razzi proposta shock: “Liberare 500mila gatti asiatici”

Ludovica Valli e Fabio Ferrara Uomini e Donne

Anticipazioni Uomini e Donne trono classico: le parole di Fabio che hanno emozionato Ludovica