in ,

I 5 momenti più trash di Amici 14: ecco quello che difficilmente dimenticheremo

Ora che si sono abbassati i riflettori sull’edizione 2014 di Amici, è giunto il momento di tirare le somme, ovvero di ricordare al pubblico quali sono i momenti trash di cui avrebbe fatto volentieri a meno. Ma di cui il grande team capitanato da Maria De Filippi non l’ha voluto in alcun modo privare.

1. Francesco Sarcina nelle vesti di Pirata dei Caraibi. Forse non tutti ricorderanno l’episodio che risale alla puntata pomeridiana del 14 febbraio 2015, quando l’ex leader delle Vibrazioni si è presentato in studio con un look improbabile, scimmiottando (molto malamente) Johnny Depp.

2. La signora del pubblico che si è messa a ballare con i professionisti, provandone le “cinquanta sfumature”, nella puntata serale del 21 marzo 2015. Premio al coraggio e al tentativo di simulare un’eleganza che non le apparteneva, ma non allo spessore culturale del momento.

3. Elisa intenta a spennellare il “grande gluteo” del modello. Come i fedelissimi della trasmissione ben ricorderanno, le due coach sono state costrette a sottoporsi, di puntata in puntata, a una sequel di prove a dir poco imbarazzante. Curiosi di conoscere la più trash? Correva la puntata del 25 aprile, quando l’improbabile giudice Luciano Onder ha sottoposto le due cantanti a una prova di conoscenza anatomica del corpo maschile, mettendo a loro disposizione un secchio di vernice e un pennello con cui “marcare” la parti da riconoscere.

4. Iva Zanicchi nelle inedite vesti di giudice di ballo, intenta a snocciolare un doppio senso dietro l’altro. Nella puntata del 23 maggio, la cantante ha confessato al pubblico di esser stata costretta a rinunciare al sogno giovanile di fare la ballerina a causa del seno troppo abbondante, e poi si è concessa due passi di danza insieme a Garrison paragonandolo a Don Lurio.

5. Loredana Berté, inquadrata mentre si dà lo smalto nella puntata del 30 maggio. La “signora” non ha voluto risparmiarsi, né in fatto di critiche – molte delle quali, va riconosciuto, costruttive – né in fatto di siparietti trash, come quello dello smalto. Se non ci fosse stata, comunque, ci sarebbe mancata molto.

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

World League volley 2015

World League volley 2015, Italia-Serbia 1-3: gli azzurri di Berruto si arrendono ai serbi

Amici 2015 vinto dai Kolors

Amici 2015, conferenza stampa: Maria De Filippi difende Stash ed Emma Marrone