in ,

6 novembre 1994: 22 anni fa la devastante esondazione del fiume Tanaro

Ventidue anni fa la peggiore alluvione mai registrata in Piemonte. Il 6 novembre 1994 in seguito a forti e violente piogge le province di Cuneo, Torino, Asti e Alessandria furono gravemente colpite da un evento alluvionale che causò morte e devastazione in tutto il territorio.

Prima l’esondazione del Po, poi a seguire quella del fiume Tanaro e dei suoi affluenti, come ad esempio il torrente Belbo. Il 5 novembre un’onda di acqua e fango si formò nel primo tratto del Tanaro, nella zona di monte Garessio, e trascinò con sé a valle, nei giorni successivi, i centri abitati sulle rive che incontrava lungo il suo percorso. Le vittime di questa tragedia furono 70, 2226 le persone sfollate rimaste senza un’abitazione. Le stime fatte su questo cataclisma parlarono di 200 millimetri di pioggia caduti in soli due giorni, il 5 e 6 novembre, sul 40% della regione, che in alcune zone raggiunse addirittura i 450 mm.

La forza devastante della piena si arrestò solo il 7 novembre, confluendo nel Po alle prime ore del giorno. Quei giorni di angoscia e distruzione rimarranno per sempre scolpiti nella memoria di chi purtroppo li ha vissuti in prima persona, ma anche di chi ha condiviso quel dolore attraverso le immagini e le testimonianze diffuse dai media.

Ecco uno dei tanti video che circolano in rete che racconta, molto meglio di qualsiasi parola, l’immane devastazione causata da quell’alluvione:

Suspiria Remake, Dario Argento non è convinto: ecco perché

Dove vedere Fiorentina Sampdoria

Dove vedere Fiorentina – Sampdoria: ora diretta tv, streaming gratis Serie A