in

7 cose da non fare sul posto di lavoro

È sempre complicato gestire i rapporti con gli altri colleghi sul posto di lavoro, ancora di più risulta difficile sapere cosa dire e come comportarsi con il proprio capo. Vi sono degli atteggiamenti che sarebbe meglio lasciare a casa per evitare spiacevoli conseguenze. Ecco 7 cose da non fare assolutamente quando siamo a lavoro.

Collegarsi a Facebook: quando si lavora tramite computer aziendali, bisogna tenere presente che si è collegati in un unica rete. Questo significa che altro possono facilmente monitorare il vostro lavoro. Farlo con uno smartphone, comunque, rimane una pessima idea, soprattutto se si viene scoperti.

Ubriacarsi durante le cene aziendali: che sia una vera propria cena o un semplice ritrovo in aula grande per festeggiare l’inizio delle vacanze natalizie, farsi trovare in questo stato non fa di voi dei professionisti. Ricordatevi che qualunque sia il motivo, vi trovate a lavoro e dovete essere sempre presentabili e formali.

Prendere in giro un collega: per quanto, fra colleghi, possa venirsi a creare una maggiore intesa rispetto al proprio superiore, rimane il fatto che vi trovate in un ambiente professionale. Inoltre, il vostro comportamento, come pure quello degli altri, può incidere negativamente sull’umore, sullo stress e, di conseguenza, sulla produttività.

Essere visti dal capo mentre si cerca un’altra occupazione: farsi trovare dal proprio superiore su un sito di offerte di lavoro non è una mossa azzeccata. Se non siete soddisfatti della vostra mansione, è sempre buona norma parlarne con il capo per trovare una via d’uscita migliore.

Parlare male del capo: oltre al rischio di trovarvelo alle spalle mentre lo state facendo, non è proprio un’ottima idea lamentarsi del superiore, soprattutto davanti agli altri colleghi.

Avere un atteggiamento negativo: lamentarsi continuamente di un compito assegnato, della retribuzione, del capo o di altri colleghi, non fa altro che rendere la situazione più stressante. Inoltre non verrete visti di buon occhio, anche se vi sentite portatori di verità.

Non rispettare le scadenze: rimandare a domani un compito che potete svolgere nell’immediato, oltre a mettervi in cattiva luce con il vostro capo, vi farebbe apparire poco professionali anche agli occhi dei vostri colleghi. Si tratta, inoltre, di un modo molto efficace di deludere le aspettative altrui, in questo caso del vostro superiore.

Cristiano Ronaldo inaugura la catena di alberghi: ecco tutti i comfort presenti nella struttura

Formula 1 GP Ungheria Hamilton

Formula 1 2016, GP Ungheria ordine arrivo gara: vince Hamilton, Vettel 4°