in ,

A 13 anni è stata violentata da Roman Polanski: dopo 35 anni di silenzio racconta tutto

Parla lei, Samantha Geimer, oggi una donna di 48 anni, ma per tutto il mondo la 13enne che nel 1977 venne violentata dal regista Roman Polanski a casa dell’attore Jack Nicholson a Los Angeles nella villa di Mulholland Drive, dove era stata organizzata un’altra sessione fotografica per Samantha e altre modelle. La donna ha deciso di scrivere un libro che si intitola “Una vita nell’ombra di Roman Polanski” che uscirà in autunno. A coloro che la accusano di aver creato ad hoc un’operazione commerciale Samantha ribatte che si tratti, invece, di un viaggio alla ricerca della propria identità: «Sono più di una Sex Victim Girl : ho scritto la mia storia non con rabbia ma con l’obiettivo di ricercare me stessa».

libro geymer

La copertina del libro è una foto che il celebre regista ha scattato all’allora tredicenne Geimer pochi giorni prima dello stupro. Scelta molto forte da parte della donna. Polanski è stato condannato per violenza carnale e per aver somministrato alcol e droghe alla tredicenne; dopo la sentenza fugge dagli Stati Uniti e non vi mette mai più piede. Vige un mandato di cattura internazionale dell’Interpol valido in 188 Paesi, Polanski ha trovato asilo tra Francia e Svizzera.

Il regista ha pagato alla Geimer un indennizzo di mezzo milione di dollari, dopodiché l’avvocato della donna ha ottenuto la restituzione di tutte le foto da lui fatte a Samantha ai quei tempi. Ora quelle foto sono state pubblicate nel libro in questione che verrà diffuso tra due mesi. Nonostante ciò La Geimer asserisce di non aver alcun desiderio di rivalsa o vendetta verso Polanski.

Natalie Portman debutta alla regia con “A Tale Of Love And Darkness”

emma marrone e marco bocci

Emma Marrone e Marco Bocci: la coppia ha iniziato le ferie in Salento