in ,

Abiti eleganti da uomo: come indossare smoking e papillon secondo l’etichetta

Se per le donne l’abito più elegante nell’armadio è quello da sera, lungo e ricercato, per gli uomini è certamente lo smoking con il dettaglio inconfondibile del papillon; in entrambi i casi le regole dell’etichetta prevedono rigidi dettami che decidono quando questo tipo di abbigliamento può e non può essere indossato ma soprattutto come si deve portare. Quali sono le occasioni in cui per un uomo è necessario indossare lo smoking? Ma soprattutto come scegliere il proprio abito perfetto? Urban Donna – Moda vi segnala le regole dell’etichetta che delineano come è possibile indossare il proprio smoking, quali i dettagli da scegliere e quali invece evitare.

Malgrado ancora oggi non si conosca esattamente dove e come sia nato lo smoking – c’è chi sostiene in Inghilterra e chi invece negli Stati Uniti – è certo che questo abito ha più di cento anni; tanti i cambiamenti della moda in più di un secolo, eppure lo smoking è rimasto sostanzialmente fedele a se stesso seguendo una tradizione sartoriale ormai storica. Secondo le regole dell’etichetta lo smoking non può essere indossato prima delle 18 e deve essere utilizzato esclusivamente se viene richiesto sull’invito dell’evento al quale si deve partecipare. E’ da indossare ad esempio per un cenone dell’ultimo dell’anno esclusivo, per le serate di gala, al casinò e a teatro, solitamente alle seconde perché alle prime sarebbe preferibile il frac.

papillon-bordeaux-lanieri

Ciò che rende lo smoking così esclusivo e che fa dell’uomo che lo indossa un vero simbolo di eleganza è l’accostamento dei dettagli giusti e più ricercati secondo regole ben precise. Per prima cosa è necessario sapere che lo smoking è esclusivamente nero, al massimo blu scurissimo per i più moderni mentre la giacca bianca o avorio è stata sdoganata dai vip di Hollywood ma può essere utilizzata solo nei mesi più caldi dell’anno per eventi all’aperto o in crociera.

Per quel che riguarda la giacca, il taglio originale prevede il monopetto ma esiste anche in versione doppiopetto; da utilizzare un solo bottone frontale e tasche a filetto. Caratteristici della giacca del tuxedo sono i revers, a punta di lancia (più formali) e a scialle (più moderni), rigorosamente di seta o raso lucido. Il pantalone sarà invece obbligatoriamente scuro con la cucitura laterale coperta da una banda lucida, il cosiddetto “gallone”; l’orlo sarà leggermente più corto del classico pantalone, vietato il risvolto come i passanti per la cintura: lo smoking prevede le bretelle in tessuto. Ovviamente la camicia sarà bianca con i doppi polsini per infilare i gemelli e il colletto appositamente disegnato per indossare il papillon, secondo le regole dell’etichetta nero, in seta, e da annodare a mano. Gli ultimi dettagli che fanno la differenza per un uomo davvero elegante e di stile sono certamente la pochette bianca in lino nel taschino della giacca, i tre o quattro bottoni ricoperti dello stesso tessuto dei revers a personalizzare le maniche della giacca, il gilet se la giacca è dotata di revers a punta e la fusciacca in raso con gli scolli a scialle. Infine, da non dimenticare, l’utilizzo di un paio di scarpe lucide o opache ma stringate con dei calzini neri e alti fino al ginocchio.

Formula 1 Sky Rai

Formula 1 2016 GP Brasile orario diretta tv e streaming gratis gara, qualifiche, prove libere

Rovigo, anziana uccisa a coltellate e data alle fiamme