in ,

Abrogare la Legge Merlin: tutti possono firmare presso il proprio comune di residenza

Si sa che in Italia lo strumento principe che il cittadino possiede per interferire direttamente sulla legislazione è quello del Referendum Abrogativo. Ed è proprio un Referendum Abrogativo quello che la Lega intende proporre al fine di annullare il veto posto nel 1958 dalla Legge Merlin sulle case chiuse in Italia.

Tutti i cittadini italiani aventi diritto al voto hanno la possibilità di recarsi a firmare presso il proprio comune di residenza fino al 4 luglio 2015 al fine di proporre fattivamente un Referendum Abrogativo della Legge Merlin. Ecco la dichiarazioni di intenti del Carroccio: “Indizione di un referendum abrogativo per la cancellazione della Legge Merlin e per arrivare successivamente ad una regolamentazione della prostituzione che porti alla risoluzione di tutti i problemi ad essa connessi. Vogliamo che le prostitute possano pagare le tasse, esattamente come fanno tutti gli altri cittadini e che esercitino la professione lontano dalle strade, in luoghi sicuri e delimitati a norma di legge. La nostra proposta chiede inoltre che il gettito fiscale derivato da questo settore rimanga in capo ai Comuni. In questa maniera si potranno utilizzare queste risorse per migliorare i servizi ai cittadini, per colpire la criminalità organizzata, per garantire un maggiore livello di sicurezza e per porre in essere opere di riqualificazione delle aree urbane maggiormente degradate.

Qui tutte le informazioni per le modalità di voto presso il proprio comune. In alternativa è possibile visitare il sito del comune di residenza e prendere direttamente informazioni.

 

Nora Martini scappata di casa

San Giuliano Terme: paura per Nora, la 16enne scappata di casa

riforma pensioni 2016 Quota 41 e precoci

Riforma pensioni 2015 ultime novità: Damiano insiste per le pensioni ai precoci e ai lavoratori usurati