in

Account e profili Facebook di persone morte: come funziona?

Che fine fa l’account su Facebook di un deceduto? Facebook c’è anche dopo la morte. Coppie, famiglie, colleghi e amici devono far fronte alla perdita di persone care ma devono anche interagire con i profili di Facebook che i loro cari si lasciano alle spalle. The Huffington Post fa uno studio da cui si evince che quasi 3 milioni di utenti sono morti nel 2012 (580 mila solo negli Stati Uniti).

social media monitoring

Cosa succede allora? Un membro della famiglia o un amico vicino può scegliere di segnalare una morte su Facebook, che una volta ricevuto la prova di morte (certificato di morte o necrologio locale) cambierà linea temporale dell’utente morto in una “pagina memoriale.” Oppure si presenta una petizione per disattivare l’account.

Ma la politica ufficiale di Facebook per la gestione di utenti morti è la pagina memoriale. Gli utenti possono accedere al profilo della persona cara scomparsa in due modi: o attraverso la conoscenza della password dell’utente morto o attraverso un mandato di comparizione tribunale.

Gli amici dell’utente defunto o la famiglia che hanno chiesto il passaggio di stato a pagina commemorativa possono interagire allo stesso modo di un profilo attivo. Possono inviare condoglianze e condividere i ricordi sul suo calendario ma è possibile visualizzare immagini e interagire con i messaggi precedenti. Tuttavia, Facebook rimuove una serie di altre funzionalità dalle pagine immortalate.

Social Network

Ad esempio, il profilo non è più accessibile tramite la ricerca pubblica ed è disponibile solo per gli attuali amici di Facebook. E la pagina non verrà visualizzata all’interno dei “suggerimenti”. In altre parole, l’algoritmo non suggerirà di “ristabilire il contatto” con un utente morto la cui pagina è stata commemorata.

Sono già in molti quelli che hanno deciso di rivelare a più persone tra amici e parenti la propria password, per ogni evenienza…

Written by Manuela Vento

E' nata a Messina e ha studiato storia contemporanea, storia delle Rivoluzioni in modo particolare la Repubblica Partenopea del 1799, e storia delle donne (Olympe De Gouges, Eleonora De Fonseca Pimentel, Angelica Balabanov). Giornalista pubblicista presso la redazione del settimanale "Centonove"; insegnante (precaria) di Storia dell'Arte e, Storia e Filosofia. Ama il teatro, il mare e ascoltare musica.

Roberto Baggio a Sanremo 2013 (il Video)

Andrea Stramaccioni Panathinaikos

Calciomercato Inter, Mazzarri se va via Stramaccioni?