in ,

Adam Levine e Behati Prinsloo: video dei Maroon Five splatter che celebra l’ego del frontman

Si tratterebbe del nuovo video dei Maroon 5, in realtà la clip che accompagna il singolo “Animals” è, probabilmente, il filmino del viaggio di nozze che il frontman del gruppo, Adam Levine, avrebbe voluto girare con la bellissima neo mogliettina – nonché angelo di Victoria Secrets – Behati Prinsloo. Il video, diretto dal bravo regista Samuel Bayer, racconta l’ossessione di Levine, calato nei panni di uno stalker dalla macabra immaginazione, verso la bella cliente bionda e inarrivabile.

Maroon 5 animals

Levine – dopo essere stato eletto uomo più sexy del mondo del 2013 da People, probabilmente in un momento in cui la redazione tutta voleva fare uno scherzo ma poi ha schiacciato per errore il tasto “pubblica” – adesso punta a cavalcare questa sensualità che gli è stata attribuita per errore scegliendo la via dello scandalo tiepido. Nel video sguazza fra secchiate di vernice rossa e quarti di bue appesi esibendo la statuaria moglie; i due non si esimono neppure dal regalare momenti di particolare intimità presentandosi nudi, avvinghiati e rapiti dalla passione.

Volutamente splatter la clip rievoca il gusto e l’intento di American Psycho, Levine tende al personaggio di Patrick Bateman mentre la moglie forse guarda alla nostrana Parietti ne “Il macellaio”. In molti si sono scagliati contro questo prodotto ritenendolo una sorta di celebrazione dell’amore malato e della violenza gratuita; soprattutto in tempi come questi in cui vi è una sensibilizzazione fortissima nei riguardi della violenza sulle donne. No, questa è proprio polemica tirata per i capelli: è talmente smaccato il sapore di artefatto nel video che non è possibile davvero prenderlo sul serio. Levine voleva soltanto farsi i grattini all’ego, l’hanno accontentato, da qui a prendere la cosa seriamente ne passa. Ne dovrebbe passare.

El Kaddouri Torino

Torino – Copenaghen ultime notizie Europa League

Naufragio Costa Concordia, Domnica: “So cosa conteneva quella borsa”