in ,

Adozioni gay, primo caso in Italia: storica sentenza a Roma

Una prima vittoria che ha un sapore di libertà, quella che due donne hanno ottenuto quest’oggi dal Tribunale di Roma. Libertà di essere considerate finalmente famiglia perché il Tribunale per i Minorenni di Roma ha riconosciuto l’adozione della loro bambina, che vive assieme alla coppia omosessuale composta da due donne libere professioniste; la bimba è figlia biologica di una sola delle due conviventi, avuta anni fa grazie alla procreazione assistita eterologa. Per coronare il loro sogno però, le due donne, che vivono insieme a Roma dal 2003, hanno dovuto recarsi all’estero, sia per ufficializzare la loro unione, sia per sottoporsi alla fecondazione ed avere la possibilità di diventare genitori. O meglio, finora solo una di loro era – per legge – genitore. Dopo la sentenza di oggi, però, entrambe le donne potranno dirsi genitori della loro bambina, frutto del loro amore e della loro voglia di essere una famiglia.

gay-adozioni

“Questa è una vittoria dei bambini e di tutti quei minori che si trovano nella stessa situazione della nostra bimba. Speriamo che questa sentenza possa aiutarli; suggeriamo alle tante altre coppie omogenitoriali di uscire allo scoperto” – questo il commento, non privo di emozione misto miscredenza delle due mamme romane. Si tratta del primo caso in Italia in cui viene riconosciuta la stepchild adoption, ovvero l’adozione della figlia da parte della mamma non biologica, iter oramai consolidato in molte parti d’Europa e in America.

Come si poteva immaginare, in un’Italia spaccata sempre in due, la notizia ha raccolto non solo plausi ma anche fischi; e di quelli più assordanti. Se da una parte il sottosegretario alle Riforme, Ivan Scalfarotto, ha parlato di ‘sentenza storica’ dichiarando che “La magistratura ha aperto la strada; ora bisogna che a questi casi pensi la legge”, alcuni esponenti del Nuovo Centro Destra, così come alcuni di Forza Italia, hanno espresso il loro dissenso in merito alla decisione del Tribunale di Roma, parlando di “Sentenza sconcertante con chiari profili di incostituzionalità” o di “un vero e proprio colpo di stato contro il potere legislativo del Parlamento e contro la Costituzione democratica”.

 

Calciomercato Napoli ultimissime, Hamsik commenta il sorteggio di Europa League

ricette veloci acciughe in carrozza

Ricette veloci, due idee finger food per una cena originale