in ,

Adriana Volpe, lo sfogo contro Giancarlo Magalli: “Sono stata violentata verbalmente”

Commenti al vetriolo quelli scambiati a distanza tra Giancarlo Magalli e Adriana Volpe. Sembra infatti che la conferma alla conduzione del programma I Fatti Vostri per il collega non sia stata digerita della bionda conduttrice.
Posso affermare che dopo oltre 20 anni di credibilità e di lavoro sempre svolto in maniera rigorosa e professionale, mi auguro che l’azienda possa riconoscere i meriti dei suoi collaboratori tra i quali ci sono anche io“.

> SEGUICI SU FACEBOOK, METTI MI PIACE SU URBANPOST <

Nonostante i battibecchi e gli sconti con Magalli, Adriana Volpe è rimasta alla conduzione de I Fatti Vostri dl 2009 fino al 2017. In tv è più facile tra le donne trovare una qualità minore – commenta la Volpe. Infatti spesso lavorano non tanto perché brave ma perché un po’ raccomandate. Allora ci vuole pazienza. Mi sono sentita verbalmente violentata da un collega che mi ha messo nella condizione di dover un giorno giustificare, con mia figlia, come e perché ho svolto il mio lavoro in Rai. Un lavoro che, basato solo sulla meritocrazia, deve farla sentire orgogliosa della madre in quanto mi sono sempre comportata con il massimo rispetto nei confronti di tutti, in particolare di me stessa e dei telespettatori“.

> I NUOVI CONDUTTORI DI I FATTI VOSTRI 2018 <

Dopo l’addio a I Fatti Vostri, la showgirl conclude commentando la decisione di Mamma Rai così: “Dopo 20 anni ho dovuto salutare il pubblico con l’incertezza del mio futuro lavorativo. Ho accettato la notizia della mia mancata riconferma a I Fatti Vostri confidando che mi possa venire offerto un ruolo di pari dignità professionale ed economico all’interno dell’azienda. Attualmente sono in attesa di un confronto“.

Sabrina Salerno e la sua lotta contro ansia e attacchi di panico

Attacchi di panico, Sabrina Salerno si racconta: “Sembravo una tigre ma morivo di paura. Ero cupa e depressa”

Counseling esercizio di una professione non riconosciuta

Counseling in Italia: resilienza, scenari e prospettive di una professione d’aiuto [INTERVISTA]