in ,

Aereo malese abbattuto: in Olanda le prime 40 salme, lutto e rabbia del Paese

L’Olanda ha osservato un giorno di lutto nazionale in suffragio le 193 vittime vittime olandesi dell’aereo della Malaysia Airlines abbattuto in Ucraina. All’aeroporto di Eindhoen sono atterrate le prime 40 salme per essere trasportate in una base militare vicina, dove saranno effettuate le operazioni di riconoscimento. La commemorazione è poi culminata con la marcia silenziosa per le vie centrali di Amsterdam.

Ucraina le scatole nere recuperate spedite in Gran Bretagna

Tanto dolore, ma anche tanta rabbia tra il popolo olandese che si chiede attonito come sia potuta accadere una simile tragedia. Dopo le tensioni diplomatiche tra Russia e Nato, con la propabilità di nuovi sanzioni, i servizi segreti americani danno dedotto che l’aereo civile malese, possibilmente, è stato abbattuto per un errore fatale dai separatisti dell’est dell’Ucraina, scagionando la Russia da ogni coinvolgimento nel disastro. Infatti, anche se la Russia continua a rifornire di armi i ribelli dell’est dell’Ucraina, non ci sono le prove che il missile sganciato per abbattere l’aereo sia stato fornito da Mosca.

Le scatole nere del volo malese MH17 sono arrivate in Gran Bretagna per essere esaminate, lo ha reso noto la Commissione per le indagini del governo ucraino. Tuttavia, sul territorio dell’est Ucraina si continua a combattere, il portavoce militare di Kiev ha dichiarato che ieri sono stati abbattuti due caccia, pare che i due aerei stessero sorvolando la zona di Savour-Mogyla, nella regione di Donetsk e dei piloti non si conosce la sorte. In questo scenario risulta complicato comprendere se altri corpi potrebbero essere recuperati dall’aereo malese o siano rimasti sul terreno sotto il sole di questa estate europea.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Equilibrium

Meriam in Italia: è stata condannata a morte in Sudan perchè cristiana