in ,

Aereo precipitato Air Asia: le parole di chi doveva prendere quel volo ma è rimasto a terra

Ormai è certo: l’AirAsia QZ8501 si è inabissato nelle acque del Mare di Giava portandosi dietro 162 vite che si sono interrotte tragicamente. Mentre si cerca di recuperare i corpi che la carcassa del velivolo ha lasciato tornare in superficie parlano coloro che si sono salvati da morte certa ovvero i passeggeri di quel volo che non sono saliti su quella scaletta per una serie di casualità e ora guardano agghiacciati quelle acque che cullano i troppi morti.

Chandra Susanto è un uomo indonesiano che, insieme alla moglie Inge e i loro tre figli, tutti sotto i 10 anni, aveva programmato una vacanza a Singapore da quasi un anno. Era da ben nove mesi che la famiglia aveva acquistato quei biglietti e attendeva quella vacanza alla quale, però, ha dovuto rinunciare a causa della malattia del nonno.«Abbiamo saputo del disastro solo quando ci ha telefonato mia sorella, nel panico, per accertarsi che stessimo bene. Sono riconoscente a Dio per la sua misericordia. Ma al tempo stesso sono immensamente triste e dispiaciuto per chi era a bordo».

Un’altra famiglia, anch’essi indonesiani, composta da ben 10 persone si è salvata per un motivo ben più futile e ancor più casuale: hanno sbagliato l’orario di partenza dell’aereo. Una mail avvisava tutti i passeggeri che il volo era stato anticipato di due ore ma nessuno fra i 10 componenti della famiglia l’ha letta arrivando quindi in aeroporto quando l’imbarco era già chiuso. Quando hanno saputo della tragedia hanno deciso di non decollare con alcun volo sostitutivo.

su Rai2 Hugo Cabret

Stasera in tv: Hugo Cabret, Capodanno a New York e Milan – Real Madrid

capodanno 2015 offerte last minute

Capodanno 2015 economico: idee low cost per cenone e veglione