in ,

Afghanistan, Bacha Bazi: il governo attiverà legge a tutela dei bambini danzanti vestiti da donne

Bacha Bazi, termini che significano ‘giocare, stare assieme o essere interessato ai bambini’. Si tratta di una forma di schiavitù sessuale e prostituzione minorile; bambini in età prepuberale vengono venduti a ricchi uomini afghani allo scopo di intrattenerli e soddisfarli vestendoli da donne e facendoli danzare al loro cospetto. In Afghanistan è ormai diventato un vero e proprio business.

Ora, però, entro la fine di marzo 2017 il governo afghano attiverà una legge a tutela dei Bacha Bazi che prevederà, per chi ne abusa, pene estremamente severe: dal carcere alla pena di morte. Questa pratica, nel periodo in cui i talebani erano al potere, venne perseguita poiché considerata anti-islamica, ma negli ultimi anni ha conosciuto un rapido risorgimento anche tra i soldati che li combattono. Ai soldati stranieri, invece, viene consigliato di voltare lo sguardo da un’altra parte, poiché si tratta di ‘cultura locale’.

Gli uomini potenti e i ricchi approfittano di bambini che versano in condizioni precarie e di necessità. Spesso i Bacha Bazi vengono venduti dalle rispettive famiglie. Come scriveva nel 2015 Andrea Iacomini, portavoce dell’Unicef: “I ‘proprietari’, chiamiamoli così, dei Bacha-bazi approfittano della condizione di povertà in cui vivono questi bambini e le loro famiglie, sapendo che i genitori non posso rifiutarsi o denunciarli, perché sono troppo potenti e influenti e nessuno avrebbe il coraggio di opporsi“. Forse, dopo la decisione del parlamento afghano, queste atrocità potranno finalmente avere termine.

Seguici sul nostro canale Telegram

Un quadro di Hitler al Museo della Follia di Salò: il Führer e quegli anni vissuti da artista

Calciomercato Milan

Fiorentina 1-0 Cagliari risultato finale: highlights e video gol