in

Agenda Digitale, Bologna finanzia le Start Up

La Crisi economico- finanziaria e sociale che sta attanagliando l’Italia e non solo, non sembra destare particolare preoccupazione al Comune di Bologna che attraverso un bando pubblicato sul proprio sito web ha implementato un’iniziativa interessante volta all’incremento della capacità produttiva ed occupazionale del proprio territorio attraverso lo sviluppo dell’Agenda Digitale (Sistema Digitale).

Rivolto ad una moltitudine settoriale, l’invito del Comune che, in barba alle difficoltà economiche, ha stanziato la somma di 100mila euro scadrà il 25 febbraio.

la startup nel 2012

A chi è diretto il Provvedimento Come già accennato in precenza, il bando è rivolto a chiunque (Imprese, Università ma anche semplici cittadini) in grado di creare Infrastrutture, Servizi Digitali o Imprese Innovative in grado di ottimizzare i processi produttivi e distributivi nell’ottica del contenimento dei costi e miglioramento delle performances. Il Comune, attraverso il suo portavoce, ha fatto sapere che il mondo digitale costituisce l’opportunità del domani per incentivare e ricercare il progresso generando nuova occupazione e riducendo visibilmente lo spreco di risorse

Non solo Bologna L’iniziativa bolognese non è certamente l’unica nel Paese. Sono già tante le realtà che stanno investendo sulla Cultura Digitale; in particolar modo alcune Amministrazioni hanno già dato vita a forme di Anagrafe ed Identità Digitale riuscendo a produrre una netta contrazione dei tempi per l’ottenimento dei meri certificati anagrafici e una velocizzazione nel rilascio di altre tipologie di documenti. Risultato Finale? Abbassamento dei Costi da ridistribuire in settori maggiomenti trainanti ed innalzamento dei livelli occupazionali nel settore.

 

Frank Lampard Manchester United

Calciomercato: Lampard si allontana da Lazio e Inter, vicino l’accordo col Manchester United

Assemblea Regionale Sicilia

Sicilia, i Grillini restituiscono 123mila euro di indennità alla Regione