in

Agevolazioni per disabili: online la guida dell’Emilia Romagna

I vari settori della pubblica amministrazione, sia a livello nazionale che regionale, mettono a disposizione delle persone disabili e dei loro familiari diversi servizi e contributi con il fine di permettere loro di vivere una vita il più possibile serena, sicura e indipendente.

Uno dei principali contributi forniti a livello nazionale riguarda le agevolazioni fiscali mirate all’eliminazione delle barriere architettoniche, come ad esempio quelle sui prezzi dei montascale che permettono alle persone con disabilità di acquistare questi dispositivi, personalizzabili in base alle singole esigenze e progettati per facilitare la loro mobilità, senza che questi gravino troppo sul bilancio economico familiare.

Le detrazioni Irpef non riguardano soltanto l’acquisto di montascale e altri ausili per la mobilità della persona con disabilità ma tutte le spese che la famiglia o il disabile in prima persona sostengono per la realizzazione di interventi mirati all’abbattimento delle barriere architettoniche, pertanto vi rientrano anche i lavori di ristrutturazione dell’immobile o la predisposizione di rampe e pedane e l’acquisto di dispositivi e apparecchi detti di domotica, per rendere la casa più “intelligente” e quindi più a portata di mano della persona con difficoltà.

Oltre ai dispositivi pensati per agevolare la mobilità dei disabili in casa e (nei luoghi pubblici) come ai montascale, godono di detrazioni anche i veicoli, come auto e furgoncino, che devono essere adattati alle esigenze specifiche della persona disabile. Nel caso del veicolo le agevolazioni interessano l’acquisto, per il quale è prevista una detrazione irpef pari al 19% e l’Iva agevolata al 4%, oltre che l’esenzione dal bollo auto e, eventualmente quella relativa all’imposta di trascrizione sui passaggi di proprietà.

Si può godere della detrazione Irpef pari al 19% e dell’Iva agevolata al 4% anche nel caso dell’acquisto di sussidi tecnici e informativi o per i servizi dedicati ad esempio alle persone non vedenti o ipovedenti o delle persone sorde. Nel loro caso possono godere delle detrazioni nel caso decidessero di acquistare un cane guida o, nel caso dei sordi, si volessero avvalere di servizi di interpretariato con una persona esperta di Linguaggio dei Segni (LIS).

Molto spesso la persona con disabilità ha bisogno di avvalersi di servizi di assistenza personale o familiare, anche in questo caso è prevista una deduzione dal reddito complessivo. Anche in questo caso è prevista una riduzione Irpef del 19% per le spese che le famiglie sostengono per avvalersi degli addetti di assistenza personale, riduzione che si calcola su un importo minimo di 2.100 euro, a condizione che il reddito dei contribuenti non superi i 40.000 euro annui.

La pubblica amministrazione nazionale prevede ovviamente anche delle agevolazioni per quanto riguarda le spese sanitarie, sia quelle generiche, sia quelle specialistiche in base alla tipologia di disabilità o problematica che si ha.

Inoltre, le agevolazioni non vengono esclusivamente concesse alla persona con disabilità ma anche ai familiari che hanno direttamente a carico la persona con disabilità. Come ad esempio nel caso di genitori che hanno a carico figli minorenni. Le cifre variano da circa 1350 euro per un figlio con un’età pari o superiore a tre anni, a circa 1620 euro se il figlio ha un’età inferiore a tre anni.

Nel caso in cui in famiglia ci sia più di un figlio disabile a carico la detrazione cresce di circa 200 euro per ogni figlio, a partire dal primo. Le detrazioni variano in base all’ammontare del reddito complessivo annuale della famiglia.

Tutto ciò però funziona non soltanto a livello nazionale ma anche a livello regionale. Ciò significa che ogni Regione d’Italia, a seconda della disponibilità, mette a disposizione tutta una serie di servizi e agevolazioni, aggiuntivi rispetto a quelli nazionali, per le persone disabili e i loro familiari che risiedono nella regione.

Come ad esempio nel caso della regione Emilia-Romagna, la quale ha messo a punto una guida regionale alle agevolazioni per le persone disabili, disponibile online e frutto della collaborazione tra la Regione Emilia-Romagna con Inps, Inail e Agenzia delle Entrate.

In questa guida vengono elencate e spiegate tutti i contributi, i servizi e le opportunità messi a disposizione delle persone con disabilità e dei loro familiari, funge pertanto da orientamento per quelle persone che magari non sono ancora a conoscenza di tutti gli aiuti e i servizi di cui potrebbero usufruire.

In questa guida, oltre ad essere indicate le agevolazioni fiscali rese disponibili per le spese sanitarie e l’acquisto di dispositivi per l’abbattimento delle barriere architettoniche o le spese per l’adattamento dei veicoli, vi sono incluse anche tutte le indicazioni relative ai benefici contributivi che vengono riconosciuti alle aziende che decidono di assumere lavoratori con disabilità, gli incentivi all’assunzione. Oltre a questo vengono elencati anche tutti gli interventi volti all’integrazione o reinserimento delle persone con disabilità nel mondo del lavoro, come ad esempio i contributi per la formazione.

Il Santo del giorno 9 ottobre: San Dionigi e compagni

Genova, Piazzale Parenzo “piscina a cielo aperto”: traffico in tilt, disagi e rubinetti a secco