in

Agevolazioni per montascale: detrazioni e contributi previsti

Che cos’è un montascale?

Un montascale è un accessorio molto utile nelle case che serve per permettere a tutti di potersi muovere liberamente in tutti gli ambienti anche quando il proprio corpo non lo permette, come nel caso dei disabili, degli anziani o di coloro che stanno attraversando la fase di riabilitazione dopo un’operazione chirurgica. Un montascale è come un piccolo ascensore che scorre su e giù dalle scale seguendo una guida ed è alimentato dall’elettricità. Al giorno d’oggi, ne esistono molti tipi; qui una selezione di montascale per scale curve, dritte, a chiocciola o multirampa.
Non servono solo per chi non è in grado di muoversi, ma anche per chi ha bisogno di un aiuto in più e non vuole affaticarsi troppo. Spesso, anche a persone che camminano e si muovono bene, potrebbero essere utili i montascale per brevi periodi di tempo, magari in seguito ad un incidente.

Le agevolazioni

Se decidete di comprare un montascale, avete diritto a delle agevolazioni fiscali, secondo quanto dice la legge 13/19 che regola i contributi previsti. Con le detrazioni, avrete la possibilità di coprire il 50% dell’importo speso grazie ad un rimborso pubblico. Vediamo quindi come ottenere queste agevolazioni per i montascale.

Le detrazioni

Prima di acquistare un montascale, è bene informarsi adeguatamente sui requisiti per le detrazioni, che possono essere del 50% e del 19% a seconda delle situazioni. La prima prevede la detrazione sull’Irpef di metà della spesa complessiva comprendente l’IVA. Le spese non comprendono solo l’acquisto, ma anche l’installazione di un montascale. La seconda invece riguarda tutti gli strumenti per il sollevamento delle persone con difficoltà motorie (legge 104/92) e consiste nella detrazione del 19% sul prezzo d’acquisto.

Chi può usufruire delle detrazioni?

Non tutti possono usufruire di queste detrazioni sulla spesa complessiva, per cui è sempre bene essere informati sui requisiti per ottenerli. Può ottenere la detrazione del 50% sull’acquisto di un montascale non solo chi possiede un immobile, ma anche chi è in usufrutto, oppure chi utilizza la casa a titolo di comodato o di locazione, oltre ovviamente all’eventuale convivente della persona in questione. Invece, può ottenere il 19% chi è stato riconosciuto disabile dalla Commissione medica, oppure un parente di un disabile, sia a carico che non a carico.

I contributi

Fino ad importi non superiori a 2582,28 euro, secondo la legge n.13, si può ottenere un contributo che va a coprire il totale della spesa sostenuta per l’acquisto di un montascale, del 25% per spese oltre i 12911,42 euro e del 5% per spese ancora più alte.
Possono richiedere questi contributi tutte le persone che hanno delle menomazioni funzionali a carattere permanente che vanno a compromettere in modo evidente la mobilità, oppure che hanno il 100% di invalidità.
Quindi, lo Stato italiano, grazie alle leggi appositamente dedicate, offre un grande contributo per l’aiuto ai disabili permanenti o temporanei, in modo da garantire loro una vita più semplice, eliminando almeno le barriere architettoniche insormontabili presenti nell’abitazione. In questo modo, le persone con disabilità grave avranno la possibilità di limitare le spese per l’acquisto di un montascale o, addirittura, di azzerarle.

festival troia teatro fooggia

Eventi Foggia e provincia, Festival Troia Teatro: l’XI edizione è “Tuttun’altra Troia”

ecommerce acquisto borse

Borse: ecco le tendenze per questo autunno – inverno 2016-17