in ,

Agrigento, uomo uccide la moglie e si toglie la vita

Questa notte la città di Agrigento è stata teatro dell’ennesimo caso di violenza domestica sfociata in una doppia tragedia. L’imprenditore cinquantasettenne Giorgio Luparello ha commesso un gesto estremo e per il momento immotivato, sparando alcuni colpi di fucile contro la moglie Patrizia Moscato di quarantotto anni.

Il motivo di questa furia omicida sarebbe l’ennesimo litigio finito in malo modo, che avrebbe fatto scattare l’uomo spingendolo a questa triste decisione. Luparello poi, dopo l’omicidio della moglie che lavorava con lui a stretto contatto nella piccola impresa di pulizie da loro gestita, ha deciso di farla finita a sua volta rivolgendo la canna dal fucile verso se stesso e premendo il grilletto.

La tragedia ha avuto luogo in una palazzina di edilizia popolare nel quartiere di Fontanelle, dove la coppia è stata trovata senza vita dalla figlia, ferita al volto da un profondo taglio, che ha immediatamente dato l’allarme. Indizi sul precario stato mentale dell’uomo sono giunti dagli ultimi messaggi da lui pubblicati sul suo profilo Facebook un paio di anni fa: “Mia moglie non vuole unirsi a me e io sto male” oppure “Sono disperato sto perdendo l’unica anima che ho”.

 

Inter ultimissime, Moratti: “Thohir non vende, qui per stare al suo fianco”

suarez squalificato

Suarez sul morso a Chiellini: “E’ un provocatore ma oggi non lo rifarei”