in

Aids: grazie ai farmaci antiretrovirali in Australia l’epidemia è estinta

L’Aids è una sindrome che si sviluppa a causa del virus dell’HIV. In Italia la situazione non è ancora stabile e gestita, tanto che sono ancora molti i luoghi comuni e i falsi miti che ruotano attorno a questa pericolosa sindrome. In Australia, invece, ricercatori e scienziati hanno decretato l’estinzione dell’epidemia, grazie soprattutto ai nuovi farmaci antiretrovirali.

L’Aids in Australia non è più un problema di salute pubblica ed è una delle poche nazioni al mondo che può affermare con certezza di aver debellato l’epidemia. Negli ’90, quando l’HIV era al suo apice, la sindrome che ne seguiVa mieteva circa 1000 vittime ogni anno. Darryl O’Donnell, direttore dell’Afao, ha infatti spiegato: “Abbiamo ora accesso a un trattamento che ha avuto effetti straordinari, mentre l’attivismo nella comunità gay, sin dai primissimi anni dell’Aids negli anni 1980 e 1990, ha contribuito sostanzialmente a combatterlo. Abbiamo visto una trasformazione drammatica dell’Hiv da una condanna a morte a una malattia cronica gestibile. I soli casi di Aids che incontriamo sono di persone non diagnosticate con Hiv che non possono più essere trattate”.

L’ultima sfida rimasta contro l’HIV è la sua diffusione: gli esperti sostengono che, in caso di dubbio da contagio, la profilassi a base di Truvada, una pillola ad assunzione giornaliera, possa avere un effetto sulla popolazione simile all’utilizzo della pillola contraccettiva. L’Australia, a contrario dell’Italia, è stata in grado di raggiungere un obiettivo molto importante, ovvero, diagnosticare il virus in almeno il 90% dei soggetti positivi all’HIV. Non è la stessa cosa per il nostro paese che invece si trova ancora indietro sul percorso. Il direttore del Dipartimento del farmaco dell’Istituto Superiore di Sanità, Stefano Vella, ha dichiarato all’Ansa: “Noi siamo messi bene sul lato delle cure, che sono garantite, ma abbiamo ancora un 30% stimato di persone infette che non sanno di avere il virus. Dobbiamo facilitare i test, e fare informazione per far capire che l’Aids è una malattia che c’è ancora, ma si può curare“.

Euro 2016, bambino portoghese consola tifoso francese: brividi [VIDEO]

cous cous ricetta

Cous cous alle verdure con menta: ricetta estiva veloce