in

Alatri, violenta ripetutamente l’amichetta della figlia: arrestato

Siamo ad Alatri, un paesino nel cuore della Ciociaria (Lazio). Dopo lunghe e difficili indagini, nel tardo pomeriggio di martedì, i carabinieri hanno arrestato un uomo con l’accusa di aver violentato ripetutamente l’amichetta della figlia. L’accusa è di violenza pluriaggravata su minore.

Il fatto risale ai primi giorni di settembre. Approfittando dell’amicizia di lunga data della giovane vittima con la figlia, l’uomo si è offerto di accompagnarla a casa in auto. Lungo il tragitto però o forse prima, chi può dirlo cosa scatta nella testa di certi individui, l’uomo ha accostato la macchina in una zona rurale lontana da abitazioni, dove per oltre 40 minuti ha violentato la ragazza. Momenti di terrore, come nel peggiore degli incubi. L’uomo ha riaccompagnato poi la giovane come se nulla fosse. La ragazza scossa e sotto shock ha raccontato l’indomani l’accaduto ai coetanei, che le hanno suggerito di confidarsi anche con i familiari. 

Soltanto dopo alcuni giorni la giovane ha trovato il coraggio di denunciare quanto successo alle autorità, che subito si sono mosse, impiegando anche strumenti tecnici, per accertare la colpevolezza dell’uomo. Ad aggravare la posizione dell’orco, il fatto che questi al momento della violenza era ammesso a misura alternativa al carcere quale l’affidamento in prova al servizio sociale per un cumulo di pena per altri reati commessi, per cui l’uomo avrebbe dovuto essere al lavoro in un locale della zona presso cui non si era presentato. Decisive le investigazioni scientifiche eseguite dagli inquirenti che sugli indumenti della vittima hanno rivenuto tracce del Dna compatibile con il profilo genetico dell’uomo. Vista la situazione e le prove raccolte le forze dell’ordine hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’uomo per violenza sessuale pluriaggravata in danno di minore. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Frosinone, che ha pienamente appoggiato l’esito delle indagini portate avanti dai militari. La comunità di Alatri è sconvolta, nessuno si sarebbe mai aspettato tanta brutalità e violenza nei confronti di una ragazza, che si era semplicemente fidata di quello che era per lei un amico di famiglia, il papà di una sua amica.

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Professore ucciso, Cosimo Errico aveva una doppia vita: scoperta scioccante nella cascina dove è stato massacrato

Pensioni 2019 ultime novità: frenata nei primi mesi, le ultimissime