in ,

Albania – Serbia: massima allerta, sassate contro l’autobus degli ospiti

Atmosfera tesa e massima allerta in Albania in vista della partita tra Albania e Serbia, in programma stasera a Elbasan, a circa 35 km a sud di Tirana: un evento sportivo diventato sempre più una questione politica tra due nazioni divise dall’odio etnico. La Nazionale albanese, allenata da De Biasi, vincendo – e sperando nel contemporaneo successo del Portogallo sulla Danimarca – potrebbe festeggiare lo storico traguardo della qualificazione a Euro 2016. La Serbia, già aritmeticamente fuori, è stata “accolta” a Tirana dai sassi scagliati dai tifosi albanesi contro l’autobus che trasportava i giocatori serbi dall’aeroporto all’hotel. I calciatori sono rimasti scioccati ma fortunatamente nessuno ha riportato ferite: è stato imposto loro l’obbligo di non lasciare l’hotel, attorno al quale è stato inoltre vietato l’accesso a tutti.

Che il “derby balcanico” fosse da bollino rosso era presumibile dopo gli episodi avvenuti l’anno scorso durante il match di andata a Belgrado che rimarrà nella storia per l’arrivo in campo del drone con una bandiera nazionalista albanese che causò la rissa tra i giocatori delle due squadre e l’irruzione sul terreno di gioco degli ultras serbi che aggredirono i giocatori albanesi. In quell’occasione – dopo una lunga battaglia sfociata nella sentenza del TAS – l’Albania ottenne la vittoria a tavolino oltre alla penalizzazione della Serbia. Intanto Ismail Morina – il 33enne albanese autore della provocazione del drone – è stato arrestato dalla polizia di Tirana la notte scorsa per possesso illegale di armi: insomma, una vigilia poco incoraggiante.

Per Albania-Serbia si registrerà il tutto esaurito: la Federcalcio albanese ha fatto sapere che ci sono state oltre 100mila richieste per gli appena 13mila posti che l’impianto di Elbasan può ospitare. Tra gli ospiti saranno presenti soltanto 70 studenti, parte di un programma bilaterale che tende a promuovere tramite i giovani l’amicizia fra i due Paesi. “In gioco c’è l’immagine del Paese”, ha dichiarato il premier albanese Edi Rama. In Albania, per tal motivo, sono state disposte severe misure di sicurezza: il principale asse stradale che collega Tirana ad Elbasan sarà a disposizione solo del trasferimento della squadra ospite allo stadio, i tifosi per raggiungere lo stadio dovranno passare almeno tre cordoni di sicurezza preparati per l’occasione e oltre 1.500 agenti di polizia saranno impegnati per garantire l’ordine e quella tranquillità che, in una partita di calcio, dovrebbe essere normale.

Grande Fratello facebook

Programmi Tv oggi, giovedì 8 ottobre: È arrivata la felicità e Grande Fratello

Juan Antonio ritiro chitarrista

Calcio, l’ex Sampdoria Juan Antonio si ritira a 27 anni: suonerà la chitarra