in

Alberto Airola, senatore del M5s, ha tentato di togliersi la vita

La notte scorsa il senatore del Movimento 5 Stelle Alberto Airola ha tentato il suicidio nel suo appartamento nel quartiere Aurora, periferia di Torino. L’incredibile notizia riportata da La Stampa ha lasciato senza parole quanti lo conoscevano e quanti lavoravano con lui. Prontamente soccorso, Alberto Airola è stato salvato dai sanitari dell’ambulanza, avvisati dalla sorella Gisella, la quale al momento dell’incidente si trovava nelle valli di Lanzo, lontano dal capoluogo piemonte. Allarmata dal fatto che il senatore non rispondesse al telefono, la donna aveva chiamato il 118.

Il senatore, 48 anni, è stato trovato sanguinante nella vasca da bagno illuminata da candele. Accanto un flacone di ansiolitici rovesciato sul pavimento. Trasportato all’ospedale Giovanni Bosco,  Airola non è in pericolo di vita. Un gesto il suo premeditato, ben studiato. Nell’appartamento del senatore del M5s –  famoso soprattutto per i suoi interventi in tv contro la Tav in Val di Susa – sono state trovate due lettere: una indirizzata ai familiari, l’altra alle forze dell’ordine. In entrambe Airola manifestava la volontà di togliersi la vita.

Il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle ha commentato così l’accaduto, mostrandosi costernato per il gesto di Airola: «Siamo vicini ad Alberto e ai suoi familiari, cui manifestiamo il massimo sostegno possibile e tutto il nostro affetto e vicinanza. In questo momento così delicato chiediamo agli organi di stampa e a tutti di dimostrare il dovuto rispetto evitando appostamenti in ospedale ed ogni altro atto possa disturbare la famiglia di Alberto».

Lo scorso settembre il senatore era stato aggredito vicino casa, ai giardini Alimonda, da un gruppo di spacciatori. Un episodio che lo aveva particolarmente segnato. L’ultimo post di Airola su Facebook risale al 14 agosto. Il senatore esprimeva il dolore per il crollo del ponte Morandi a Genova: «Sono scioccato da quello che è successo a Genova. Sono addolorato e angosciato per le vittime, i feriti e i loro cari».

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Kofi Annan è morto: stroncato da una breve malattia l’ex segretario generale dell’Onu

Anastacia a Napoli

Anastacia tumore: “Ce l’ho fatta, ho vinto così, ma vi dico che…”