in

Alberto Angela alla scoperta delle “Meraviglie” d’Italia: un viaggio da Nord a Sud nei posti che non ti aspetti

Ci voleva Alberto Angela affinché gli italiani si appassionassero alle bellezze d’Italia. Meraviglie, La penisola dei tesori, il programma alla scoperta dei paesaggi sconosciuti del nostro bel Paese, torna martedì 12 marzo su RaiUno. Quattro nuove puntate condurranno Alberto Angela, e con lui gli spettatori, attraverso un viaggio di dodici tappe nei siti italiani riconosciuti dall’Unesco patrimonio dell’umanità, o in attesa del riconoscimento. Il successo della prima ‘stagione’ ha portato Angela, che ha vinto la sua personale scommessa, a continuare quest’avventura alla riscoperta delle nostre radici. “La verità è che noi italiani siamo strani, – afferma il paleontologo e divulgatore scientifico – viviamo in un Paese bellissimo, ricco di tesori, ma spesso andiamo a cercare la bellezza all’estero. La mia è stata una scommessa, volevo far vedere a tutti in che Paese meraviglioso viviamo”.

Alberto Angela, Meraviglie: oltre 10 mila chilometri tra le bellezze d’Italia

“Ogni monumento viene premiato perché è frutto di una tradizione locale –  dichiara Alberto Angelaovunque ci sono capolavori, noi stessi abbiamo difficoltà a sceglierli, abbiamo spaziato dal Nord ai paesaggi di Montalbano. In ogni puntata raccontiamo tre siti e accompagneremo il viaggio con ospiti diversi. Quando ci si trova di fronte a un capolavoro si resta a bocca aperta, ma noi abbiamo a disposizione una serie di capolavori, la cultura diventa una sinfonia. Credo che questo programma, più che darci l’orgoglio di essere italiani, ci dà un’identità, ci racconta quali sono le nostre radici. Ma soprattutto ci spinge a pensare di dover difendere quello che abbiamo”. Dal Monte Bianco alla Val di Noto, passando per le Grotte di Frasassi: oltre 10 mila chilometri per far riaffiorare i tesori sommersi nel mare di Baia o i mosaici bizantini di Ravenna. E ancora, la corte di Federico da Montefeltro e gli splendori dei Gonzaga, il barocco di Lecce o la magia dei luoghi di Montalbano. E infine Roma con i segreti di piazza Navona o le glorie del Teatro San Carlo di Napoli.

Meraviglie, Alberto Angela: bellezze, storia, curiosità

“È la mia regola, – dice Alberto Angela esplorare i luoghi muovendomi sempre, perché il pubblico non si annoi. Ogni pietra racconta una storia, penso che la cosa più bella del mondo sia viaggiare e non smettere di essere curiosi”. E la sua curiosità è oggi il mezzo per la divulgazione, ma – rivela lo scrittore – “Bisogna sempre rinnovarsi perché la narrazione cambi”. E così grazie ad attori come Flavio Parenti, Giusi Buscemi, Massimo Wertmuller, Massimo Bonetti, Vittoria Belvedere, ogni tappa è diversa, originale e appassionante: animata da incontri con personaggi storici come Isabella d’Este, Maria Luigia d’Asburgo-Lorena, il duca degli Abruzzi, Flavio Gioia. “Ho viaggiato in tutto il mondo – spiega Alberto – e proprio per questo dico che l’Italia è un Paese tutto da scoprire. Spesso andiamo all’estero a cercare la bellezza e non sappiamo di averla a portata di mano. Val di Noto col suo barocco color miele mi ha colpito, mi ha emozionato la Sardegna, il museo di Cagliari è tutto da scoprire. Le grotte di Frasassi sono una meraviglia naturale”. E, conclude, “La cosa che ci rende più orgogliosi è che tutto il nostro lavoro è fatto con interni Rai, c’è l’orgoglio di lavorare per il servizio pubblico”, così chi volesse scoprire il dietro le quinte del programma, stasera 9 marzo 2019, alle 23.15, RaiUno propone un backstage del lungo viaggio attraverso l’Italia con la filmaker Mariafrancesca Marcelli e la troupe Rai impegnati nelle fasi preparatorie della trasmissione.

Leggi anche —> Adua del Vesco, il tunnel dell’anoressia: “Morire era la mia volontà”

Adua del Vesco, il tunnel dell’anoressia: “Morire era la mia volontà”

Simpson, il cartoon cancella l’episodio di Michael Jackson dopo le nuove accuse di pedofilia