in ,

Alberto Stasi in carcere si dichiara innocente: la lettera indirizzata a Le Iene

Nel corso della puntata de Le Iene di ieri sera, martedì 20 dicembre 2016, è andato in onda il servizio a cura di Alessandro De Giuseppe su Alberto Stasi. Settimane fa, la redazione del programma di Italia 1 ha ricevuto una lettera dal carcere di Bollate, in provincia di Milano. Il mittente del messaggio è proprio Alberto Stasi, accusato di aver ucciso la fidanzata Chiara Poggi. Vi scrivo da un posto in cui mai avrei pensato di dover vivere, un posto in cui non dovrei stare: il carcere” sono le parole di Alberto Stasi, il quale confida nel fatto che Le Iene possano accogliere la sua richiesta: “reperire i numerosi e molteplici incartamenti del processo: sentenze (tutte, anche quelle di condanna), perizie, consulenze, dichiarazioni dei vari testimoni, tutto quello che esiste […] Vorrei, poi, che qualcuno di voi avesse la pazienza di leggere. Vorrei questo perché nessuno si è mai preso in carico di farlo”.

Chiara Poggi è stata trovata il 13 agosto del 2007 nella sua casa di Garlasco. A vederla per primo è stato proprio il suo fidanzato, Alberto Stasi, il quale, dopo due assoluzioni e quasi 10 anni di processo, è stato condannato a 16 anni di carcere. La recente perizia della difesa ha portato ad una svolta nelle indagini: il DNA sotto le unghie della vittima sarebbe di un uomo che non è Alberto Stasi. Si tratterebbe, però, di un conoscente di Chiara Poggi, il cui nome non è ancora stato reso noto. “Io non ho ucciso Chiara e non smetterò mai di ripeterlo. Io non so nemmeno chi sia stato” scrive Alberto Stasi che precisa “care Iene, sappiatelo: il fallimento dei sistemi, di tutto il sistema, è stato doppio perché non solo Chiara non ha avuto giustizia, ma hanno rovinato anche la mia vita, oltre ad aver lasciato in libertà uno o più assassini”.

Dopo aver ricevuto la lettera, Le Iene hanno incontrato la madre di Alberto Stasi, la quale crede nell’innocenza del figlio. “Chiunque legge capisce che non è stato fatto tutto quello che dovevano fare. C’è da avere paura della giustizia” è l’opinione della madre di Alberto Stasi, le cui parole coincidono con quelle del figlio: “vorrei davvero che qualcuno facesse quello che non è mai stato fatto: leggere e, da informati, informare. Rendere pubblico il vero., […] Sono certo che vi accorgerete subito di come tutti gli elementi che mi scagionavano siano stati incredibilmente ribaltati come elementi a carico”. 

teen wolf facebook

Programmi tv 21 Dicembre: La mossa del pinguino, House Party e Teen Wolf

Replica La Mafia Uccide Solo D’Estate 20 dicembre 2016: ecco come vedere il video integrale