in

Alcol, scoperti i meccanismi che creano dipendenza

Una ricerca italiana del gruppo dell’Università di Cagliari guidato da Elio Acquas, ha fatto una interessante scoperta, pubblicata sulla rivista Addiction Biology: sono stati individuati per la prima volta i meccanismi biologici che controllano la dipendenza dall’alcol. Secondo gli esperti questo è un notevole passo avanti verso l’apertura di nuove possibilità terapeutiche finalizzate a combattere tale dipendenza.bevande alcoliche

L’esperimento, condotto sui topi, ha rilevato il meccanismo per il quale l’alcol etilico stimola le cellule nervose in una regione del cervello chiamata area ventrale del tegmento (Vta). Queste cellule, comunicanti tra loro attraverso la produzione di una sostanza -la dopamina– che funge da neurotrasmettitore, sono implicate nel controllo di funzioni come la motivazione e l’affettività, le cui alterazioni sono alla base di disturbi psichiatrici, quali depressione, schizofrenia, e tossicodipendenza (quindi anche alcolismo).

Quando l’alcol raggiunge queste cellule viene dapprima trasformato in un’altra molecola, l’acetaldeide, che poi reagisce con la dopamina (di cui sopra) e genera il salsolinolo, che eccita le cellule di questa area del cervello (Vta) ponendo le basi per il potenziale sviluppo di dipendenza. Dove punterà la ricerca, alla luce di questa importante scoperta? Certamente si mirerà a sperimentare una strategia medica che impedisca la formazione del salsolinolo, affinché l’etanolo (alcol etilico) assunto non vada ad eccitare le cellule nervose del piacere e quindi non eserciti il suo potenziale d’abuso.

 

 

impedisce la formazione del salsolinolo

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Piero Marrazzo e la sua nuova vita: “Non tradisco più, ora amo Patrizia”

10a giornata

Fiorentina-Napoli domani: ultime notizie dai campi e probabili formazioni