in

Alcuni trucchi per migliorare il lavoro di squadra

Indipendentemente dalla dimensione dell’azienda, una delle difficoltà maggiori consiste nel gestire i dipendenti come fossero una squadra vincente. Ogni individuo ha le sue caratteristiche, i suoi pregi, difetti, ed  è necessario riuscire a gestire tutto il personale al meglio. Affinché ogni reparto funzioni in maniera eccellente al suo interno e sia perfettamente coordinato con gli altri reparti per raggiungere i risultati e gli obiettivi che la società si è prefissata bisogna lavorare molto bene sulla gestione del personale. Per avere dei dipendenti produttivi, organizzati e che siano anche attaccati all’azienda e al marchio che rappresentano, è fondamentale che gli stessi siano sereni. Un impiegato insoddisfatto e demotivato sicuramente non porterà risultati in azienda.

Un dipendente che al contrario viene coinvolto nell’azienda, trattato con correttezza, motivato e quando ve ne sono i presupposti anche premiato sicuramente lavorerà nell’azienda con impegno perché la sentirà un po’ sua. Al giorno d’oggi, con i ritmi lavorativi frenetici che la società ci impone per stare al passo è facile cadere nella demotivazione e farsi sopraffare degli impegni. L’azienda deve attivarsi affinché la motivazione dei dipendenti e la loro produttività sia sempre al massimo.Un ottimo strumento per migliorare la produttività dell’azienda è stabilire dei bonus che verranno elargiti al raggiungimento di determinati risultati aziendali. Il premio di produzione è uno strumento estremamente valido per migliorare la produttività e l’entusiasmo dei lavoratori ma anche dei dirigenti. La prospettiva di guadagni extra, a qualunque livello aziendale è un ottimo incentivo per garantire impegno e produttività da  parte del personale.

Per migliorare il lavoro di squadra all’interno di un’azienda è anche importante organizzare dei momenti sia di convivialità che di condivisione all’esterno dell’ambiente lavorativo. Un esempio può essere l’organizzazione di una festa aziendale per le festività natalizie o prima delle ferie estive. Una festa alla quale partecipano sia i dipendenti che il management è un’occasione per conoscersi al di fuori dell’ambiente lavorativo migliorando la sintonia e la complicità di tutto lo staff. Un’altra idea vincente è creare dei meeting in luoghi particolari dove, con l’aiuto di coach si possono intraprendere delle attività che aiutino a migliorare la motivazione e a tirare fuori il meglio da ciascun membro della società.

PREMI DI PRODUZIONE AZIENDALI

 Ci sono poi dei benefit che possono essere assegnati ai dipendenti che hanno raggiunto determinati risultati e posizioni nell’azienda. Questi bonus possono essere ad esempio la disponibilità di auto, cellulari e carte di credito aziendali per la gestione delle spese.

Questi incentivi oltre che a motivare il dipendente ed aiutarlo a svolgere meglio le proprie funzioni sono anche degli ottimi strumenti per facilitare l’organizzazione da parte del CFO permettendo di semplificare e mantenere sotto controllo lo spese aziendali.Il gioco di squadra in un’azienda è fondamentale per il perseguimento degli obiettivi, ogni membro dello staff è importante ed è fondamentale per la sinergia del gruppo.

Motivare il personale con premi di produzione basati sui risultati è utile anche per creare una sana competitività ma anche sinergia all’interno dei vari settori per raggiungere gli obiettivi prefissati dal management. Se in un dipartimento ci sono degli obiettivi da raggiungere che richiedono l’impegno di tutti, il lavoro di squadra si concentrerà per il raggiungimento del risultato prefissato. Si tratta di una strategia vincente che premia i dipendenti e valorizza l’azienda. Con questi piccoli suggerimenti la produttività dell’azienda può raggiungere risultati eccellenti. Un’azienda con dipendenti motivati che si sentono parte di qualcosa, è un’azienda che ha una marcia in più ed è più concorrenziale all’interno del mercato.

 

Giampiero Ingrassia a “Vieni da me”, il ricordo della moglie scomparsa: «Ero sconvolto, sono corso»

Viaggio negli Stati Uniti, cos’è e quanto costa l’ESTA?