in ,

Alessandria, uccide due donne e si suicida: l’assassino era legato a una setta

Nuovi misteri sul caso di Giancarlo Bossola, l’ex poliziotto che nella giornata di ieri ha ucciso due donne tra Alessandria e Ventimiglia, togliendosi poi la vita. Dalle indagini infatti pare che l’assassino appartenesse a una setta molto vivace nell’ambiente sudamericano, nota come “La Santeria”.

In particolare, emergono le dichiarazioni scritte lasciate da Bossola in casa sua, prima di compiere questa inspiegabile serie di delitti. “Siamo stati indicati, dobbiamo morire“, avrebbe scritto l’assassino sopra un biglietto. La frase ha dato la certezza agli inquirenti sulla relazione tra gli omicidi e gli interessi parareligiosi dell’uomo.

Poco dopo l’uccisione della prima donna, Bossola si sarebbe autodenunciato telefonicamente alla Polizia di Genova, utilizzando espressamente la parola “maga” in relazione alla sua compagna cubana. Durante l’autodenuncia avrebbe dato informazioni per il ritrovamento del corpo, dicendo così all’agente al telefono: “Andate in via Pascoli ad Alessandria, troverete la maga morta da alcuni giorni“.

Ristorante Mc Donald's

Mc Donald’s, 1000 nuovi assunzioni nel 2015

dan price gravity payments

Dan Price, lo startupper si taglia lo stipendio di 1 milione di dollari per i suoi dipendenti